sei legato

La lingua giuridica tedesca ha le parole più sorprendenti. Consideriamo la forza legale , per esempio. Questo è ciò che entra in atto un atto giuridico quando è definitivo, res iudicata . La legge è legge, e la forza è forza: forza legale. Sembra una canzone dei Rammstein, vero? Tanta finalità ringhiosa in due brevi sillabe. Eccola lì, la legge, che ringhia e abbaia alla svolazzante volontà instabile dei suoi sudditi: Rrrechtskraft ! Sei vincolato! Da me, la legge. Con la mia forza !

Contratti entrano in vigore, atti amministrativi, disegni di legge parlamentari e sentenze dei tribunali, forza che opera in funzione della corretta procedura. Con un contratto correttamente firmato in mano, non ho bisogno di preoccuparmi se il mio padrone di casa cambia idea sul lasciarmi avere il suo appartamento domani, perché su di lui agisce una forza che lega e fissa la sua volontà instabile e svolazzante e mi consente di fare affidamento su la sua permanenza e nel frattempo occuparsi di altri affari. È una cosa conservatrice, questa forza. Fissa, fissa e lega il vortice scintillante di eventi e sentimenti in forme solide e durature su cui fare affidamento.

La coalizione di governo tedesca precedentemente nota come Grand, poche settimane prima della fine della legislatura, sta progettando di varare una riforma del codice di procedura penale con il titolo piuttosto orribile "Establishment of Material Justice Act" ( " legge del materiale per la giustizia produttiva ). Secondo la volontà di un'ampia maggioranza in parlamento, un assassino assolto legalmente dovrebbe essere nuovamente processato se "nuovi fatti o prove … costituiscono motivi urgenti" per essere condannato. In effetti ha commesso un omicidio, ma al momento del processo non è stato possibile provare la sua colpevolezza. Ora sono state sviluppate nuove tecnologie grazie alle quali la sua colpevolezza può essere provata oltre ogni ragionevole dubbio. In tal caso, in un caso di omicidio o genocidio, secondo la volontà della coalizione, la legge dovrebbe allentare i suoi vincoli, riposare la sua forza e liberare il potere dello stato di stabilire "giustizia materiale".

La volontà del legislatore è però vincolata a se stessa, cioè dalla Costituzione. L'articolo 103, paragrafo 3, della Legge fondamentale codifica l'antico principio giuridico romano ne bis in idem, che esiste fin dall'antichità , noto come la difesa del doppio rischio nel diritto comune, e lo trasforma nella forma di un diritto fondamentale: lo stato può incriminarmi, prendermi in custodia, sedere in tribunale pubblico su di me, condannarmi e punirmi. Ma una volta sola. Allora deve lasciarmi in pace. Ha avuto il suo tiro, e se ha sbagliato, così sia . Ho diritto a questo.

++++++++++ Pubblicità ++++++++

Intervista a John Ruggie – Il 10 ° anniversario dei Principi guida delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani

21 giugno 2021 (Evento online)

In occasione del 10° anniversario dei Principi guida su imprese e diritti umani, il loro autore, il professor Ruggie, sarà intervistato da Pierre Thielbörger. L'intervista è seguita da una tavola rotonda che riflette sul passato, presente e futuro del principio.

Altoparlanti:

  • Prof. John Ruggie , Università di Harvard
  • Prof. Pierre Thielbörger , Università della Ruhr Bochum
  • Prof. Anita Ramasastry , Università di Washington
  • Prof. Robert McCorquodale , Università di Nottingham

Per ulteriori informazioni consultare il sito web dell'IFHV . Si prega di registrarsi per il webinar qui .

Organizzatori: Institute for International Law of Peace and Armed Conflict / ESIL Interest Group on International Human Rights Law

L'evento è sostenuto dalla Società Europea di Diritto Internazionale.

++++++++++++++++++++++++++

Bene, i redattori del "Material Justice Act" suggeriscono che questo legame potrebbe non essere così stretto come si potrebbe pensare. L'articolo 103 (3) è "aperto a ulteriori sviluppi" e garantisce "solo il nucleo" del principio del ne bis in idem , in contrapposizione ai suoi "margini aperti" dove abbondano "difficili questioni di delimitazione" e "casi dogmatici di dubbio" . Infatti, l'articolo 362 del codice di procedura penale consente la riapertura di procedimenti penali a svantaggio dell'imputato già in alcuni casi specifici. Per i legislatori è una questione di regola ed eccezione: normalmente la "giustizia materiale" dovrebbe lasciare il posto agli "interessi del singolo" nella forza giuridica della sua assoluzione, ovviamente. Ma entrambe le estremità devono essere pesate. Nei casi in cui la forza legale non può adempiere alla sua intrinseca "funzione pacificatrice" perché sarebbe semplicemente intollerabile lasciare impunito il crimine e l'autore, allora deve essere fatta un'eccezione.

Ma questo mi sembra un falso dilemma. Non è che, a 72 anni dall'emanazione della Legge fondamentale ea 2000 anni dal ne bis in idem , si facesse improvvisamente la spaventosa scoperta che questo principio giuridico potrebbe metterci in conflitto con la giustizia materiale. In effetti, il ne bis in idem non solleva la questione di come affrontare quel conflitto, ma piuttosto risponde: sotto lo stato di diritto, dobbiamo sopportare l'ingiustizia materiale di un assassino legalmente assolto che cammina libero. Ciò che lo Stato può fare per aiutare gli amici e i parenti della vittima a sopportare la loro situazione, dovrebbe farlo. Ma condannare l'assassino legalmente assolto non ne fa parte.

Lo Stato di diritto lo deve non solo all'assassino in quanto titolare di diritti, ma anche a se stesso. La forza giuridica sorge nella e attraverso la procedura. Se i documenti sono stati falsificati, spergiuro commessi o giudici corrotti, allora la procedura è stata compromessa, motivo per cui un nuovo processo ai sensi del § 362 del codice di procedura penale è meno un'eccezione alla regola che la sua conferma. (Lo stesso vale per il ribaltamento di sentenze di un Unrechtsstaat, direi.) Ma se, allo stato attuale della scienza e della tecnologia, non ci sono prove sufficienti per condannare l'imputato, la sua assoluzione è comunque l'esito procedurale corretto, anche se tale mancanza di prove viene sanata in un secondo momento. La domanda è piuttosto cosa cambia se si mette in dubbio il processo a posteriori in quel modo.

Un processo è qualcosa di temporale. Ha un inizio e una fine. Elabora le cose in modo che possano essere lasciate alle nostre spalle, archiviate, una cosa del passato, cancellata per sempre. Ciò che ha durata è il vincolo alla legge: forza legale . In questo modo, il diritto si riproduce come qualcosa che tiene non solo in questo momento, nelle circostanze attuali, perché sembra essere la cosa più vantaggiosa in questo momento, ma come qualcosa che vincola. Qualcosa su cui fare affidamento. Oggi, domani e dopodomani, mentre il mondo continua a girare e gli equilibri politici continuano a cambiare e lo stato della scienza e della tecnologia continua a svilupparsi – non necessariamente per l'eternità, ma comunque modificabile solo in una procedura che è essa stessa legale .

Subordinare la forza vincolante della legge al mutare delle circostanze è una caratteristica degli Stati autoritari. In questi stati non si può fare affidamento su nulla. Nel loro apparato di sicurezza, nessun file viene mai veramente chiuso. Non si sa mai che prima o poi non verranno a cercarti. Non puoi mai essere al sicuro. Ecco perché non c'è da meravigliarsi che l'estrema destra AfD, sebbene all'opposizione, non abbia altro che parole calde per la coalizione di governo in questo caso: "Avremmo dovuto avere questa cosa un quarto di secolo fa", ha detto AfD MP Roman Reusch venerdì scorso al Bundestag . Certo che l'ha detto. "Avere questa cosa" è ciò che conta per lui prima di tutto. L'uomo è un pubblico ministero di professione.

Naturalmente, la coalizione non è guidata da alcun motivo autoritario originale con questo disegno di legge: voler aiutare a vincere la "giustizia materiale" non è niente di male. Tuttavia, il progetto appare stranamente, e preoccupante, tempestivo. Prendi la Polonia, ad esempio: come parte della sua campagna di sottomissione contro la magistratura indipendente, il governo PiS in Polonia ha istituito una nuova "Camera di controllo straordinario" presso la Corte Suprema nel 2018, composta da nuovi giudici scelti personalmente. Questa camera può riaprire qualsiasi cosa giudicata civile o penale fino a cinque anni dopo, per ragioni di "giustizia sociale" o per una nuova situazione di fatto. Lo può chiedere il procuratore generale, che non è altro che il ministro della Giustizia e artefice dell'antiregolarità Zbigniew Ziobro, ma anche un gruppo di parlamentari. Questo è stato il motivo per cui la Commissione di Venezia del Consiglio d'Europa ha descritto la riforma giudiziaria polacca nel 2017/18 come simile, se non addirittura superiore, alla giustizia sovietica .

Ecco un'altra bellezza nella lingua giuridica tedesca: Giurisprudenza . Il parlare di diritto. Questo è ciò che fanno i tribunali: parlano di diritto. I tribunali parlano la legge e la legge vincola. Allentare questa forza vincolante è diventato allarmante di moda in Europa negli ultimi anni. In Germania, non è ancora evidente che una maggioranza in parlamento possa seguire questa tendenza. Ma come si suol dire: l'appetito vien mangiando.

Questa settimana sul blog della costituzione

LAURENZ EICHHORN fornisce un'analisi approfondita dell'incostituzionalità del summenzionato "stabilimento della legge sulla giustizia materiale" e della prevista restrizione del principio del ne bis in idem .

C'è una tendenza politica globale da dire, di fronte alle sentenze dei tribunali (costituzionali): ah, staremo a vedere? Lo stato più popoloso del Canada , l'Ontario, è governato da un uomo che molti paragonano a Donald Trump. La costituzione canadese prevede infatti un'eccezione parlamentare di revisione costituzionale. Il parlamento dell'Ontario si è ora avvalso di questa possibilità. Nel nostro podcast sulla crisi, parlo con CARISSIMA MATHEN di cosa c'è dietro e cosa potrebbe derivarne.

++++++++++ Pubblicità ++++++++

Summer School "Diritti umani in teoria e pratica: la Convenzione europea dei diritti dell'uomo in tempo di crisi", dal 5 al 10 settembre 2021

L'Università tecnica di Dresda e l'Università di Lipsia ti invitano alla 2a Summer School internazionale della serie "Human Rights in Theory and Practice" che si svolgerà dal 5 al 10 settembre 2021 a Dresda e online. Il focus sarà su “La Convenzione europea dei diritti dell'uomo in tempo di crisi” . Situazioni di emergenza , populismo , migrazioni e ruolo dei diritti ESC in tempo di crisi saranno tra i temi approfonditi da 18 relatori internazionali . Includeranno sia accademici che professionisti, tra gli altri il Prof. Dr. Anja Seibert-Fohr , giudice della Corte EDU, in qualità di oratore principale.

Per informazioni future clicca qui .

++++++++++++++++++++++

Questa tendenza può includere anche alcune stesse corti costituzionali, almeno per quanto riguarda l'Europa. In Polonia , la "Corte costituzionale", catturata dal governo PiS e quindi non più un vero tribunale secondo la Corte dei diritti umani di Strasburgo, ha ora sommariamente dichiarato "inesistente" proprio questa sentenza di Strasburgo. RICK LAWSON è completamente sconcertato.

Non meno assurdo appare quanto recentemente pronunciato dalla Corte costituzionale rumena sulla forza vincolante della giurisprudenza della Corte di giustizia e sul primato del diritto comunitario. BIANCA SELEJAN-GUTAN descrive la sentenza come "un'allucinante successione di sciocchezze legali".

Se solo avessimo un meccanismo per lo stato di diritto che l'UE potrebbe usare contro gli Stati membri… oh, aspetta: ce l'abbiamo! Ma il Consiglio e il Presidente della Commissione per il momento hanno tirato tutti i denti, per cui la Commissione sarà ora citata in giudizio dal Parlamento per inerzia. MERIJN CHAMON considera questa minaccia poco promettente e propone alternative politiche.

Con la sua sentenza PSPP , la Corte costituzionale federale tedesca ha almeno dato ad altri la scusa per seguire l'esempio e dichiarare le sentenze della Corte di giustizia europea costituzionalmente non vincolanti. Per questo, la Commissione vuole ora avviare una procedura di infrazione contro la Germania. BENEDIKT RIEDL sostiene che, sebbene ciò sia politicamente imprudente e giuridicamente inammissibile, ha anche il potenziale per stabilire l'istituto giuridico del riesame ultra vires ai sensi del diritto dell'UE.

L'Ungheria , nel frattempo, sta facendo ciò che la Russia ha fatto prima, vale a dire emanare una legge anti-LGBTQI: ora ai bambini non è nemmeno permesso di essere informati dell'esistenza di spettri al di fuori dell'eteronormatività. ESZTER POLGÁRI e TAMÁS DOMBOS mostrano come una legge anti-pedofilia sia stata strumentalizzata per far passare queste misure restrittive.

In Ucraina , il presidente Volodymyr Zelensky ha presentato al parlamento un progetto di legge sullo status degli oligarchi. Il disegno di legge, spiega ANDRII NEKOLIAK , non prevede solo una definizione di chi conta come oligarca, ma anche misure per ridurre la loro influenza nei media e nella vita pubblica.

In Israele , infatti, Benjamin Netanyahu è all'opposizione. Cosa significa questo per "populismo costituzionale"? AEYAL GROSS ne vede abbastanza all'opera anche nel nuovo governo.

In Brasile , il Congresso sta attualmente discutendo la sostituzione della Legge sulla Sicurezza Nazionale, che risale alla fase finale della dittatura militare, con una nuova legge contenente nuovi reati di pericolo per la democrazia. FELIPE OLIVEIRA DE SOUSA discute cosa succede se il presidente Bolsonaro pone il veto alla proposta.

La pandemia va, l'apprendimento continua – o più precisamente, è solo all'inizio. Per CHRISTOPH GUSY , le situazioni eccezionali hanno tre zone a rischio: la transizione, la limitazione e l'uscita dalla legge speciale a quella normale. Le pandemie ei disastri sono situazioni eccezionali di diritto, non di diritto; secondo la costituzione, non della costituzione.

Nello stato tedesco dello Schleswig-Holstein , il legislatore sta modificando la procedura per l'elezione dei giudici. D'ora in poi, i principi di selezione del miglior giudice di cui all'articolo 33, paragrafo 2, della Legge fondamentale non saranno più decisi (solo) in base alle attitudini, capacità e prestazioni professionali, ma saranno aperti ad altri criteri che non sono descritti in dettaglio. CHRISTINE NORDMANN e MALTE ENGELER considerano il piano altamente problematico non solo costituzionalmente ma anche politicamente.

Gli ordini di rinvio dei tribunali tedeschi sono atti pienamente determinati del potere statale tedesco ai sensi del diritto dell'Unione. TOBIAS CRONE sostiene che dalla decisione del BVerfG "Right to be Forgotten II", non sono più da misurare con la Legge fondamentale, ma con la Carta dei diritti fondamentali.

Tra le sentenze più controverse nella giurisprudenza della Corte di giustizia europea ci sono "Viking" e "Laval" sui limiti imposti dalle libertà fondamentali al funzionamento dei sindacati. La Corte EDU è ora intervenuta in questa controversia in modo potenzialmente epocale , come spiega HANS PETTER GRAVER .

La spettacolare sentenza dell'Aia sulla responsabilità climatica di Shell continua a fare colpo. CHRISTINA ECKES sostiene che il caso libera i politici dalla morsa soffocante dei meccanismi di risoluzione delle controversie investitore-Stato. IOANNIS KAMPOURAKIS scrive di come lo "standard di cura" funzioni come norma aperta, consentendo la responsabilità delle grandi aziende.

++++++++++ Pubblicità ++++++++

Bando – MPIL Journalist in Residence Fellowship 2022

Richiedi ora la borsa di studio per giornalisti in residenza 2022 di # MPIL (scadenza: 1 agosto) – che fornisce uno spazio unico per il giornalismo basato sulla ricerca, scambi con i principali esperti accademici e incontri con nuovi campi di ricerca sul diritto.

Per ulteriori informazioni clicca qui .

++++++++++++++++++++++

Il governo tedesco ha raggiunto un accordo con diverse società operative su un risarcimento del valore di miliardi per l' eliminazione graduale della lignite . Non è solo il pubblico che ha criticato l'accordo. JULIAN SENDERS riferisce sui dubbi della Commissione UE sulla conformità dei pagamenti dei risarcimenti al diritto dell'UE e sull'avvio di un procedimento di indagine formale.

La legge europea sulla protezione dei dati sta allargando i confini dell'integrazione europea. Secondo MERLIN GÖMANN , la recente decisione della Corte di giustizia europea nel caso Facebook Ireland continua questa tradizione consolidata e potrebbe innescare una rivoluzione nascosta.

Infine: nel nostro progetto " Accesso aperto al diritto pubblico ", questa settimana abbiamo ospitato unsimposio online sul tema " Accesso in blocco ", osservando da diverse prospettive come la pandemia ha cambiato le pratiche di pubblicazione nella borsa di studio legale tedesca. Contributi miei e di EVIN DALKILIC , di OLIVER LEPSIUS , ELISABETH SCHEMMER , RAFFAELA KUNZ , MAXIMILIAN PETRAS , LENA BITZ , FRANK MIENER , MICHAEL ERNST , GEORG FISCHER , KONSTANTIN GAST e FRANCESCA MASCHA . Inoltre, stiamo anche sperimentando un layout nuovo e, a nostro avviso, più chiaro e attraente per i simposi online.

Sarebbe tutto per questa settimana. Non potremmo fare quello che stiamo facendo senza il tuo supporto. Per favore considera di diventare o, in ogni caso, rimanere un membro fisso !

Grazie e tutto il meglio,

Max Steinbeis


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su Verfassungsblog all’URL https://verfassungsblog.de/you-are-bound/ in data Fri, 18 Jun 2021 21:32:05 +0000.