Madre, madre, figlio ?!

C'è una scossa attraverso il diritto di parentela. Il 24 marzo 2021, due tribunali hanno sottoposto alla Corte costituzionale federale la questione se l'attuale legge sulla discendenza, prevalentemente biologica, sia compatibile con la Legge fondamentale. Entrambi i casi riguardano la genitorialità legale di due donne sposate il cui figlio è stato concepito mediante donazione anonima di sperma – e potrebbe essere il preludio a un ripensamento fondamentale della genitorialità legale.

Madre Padre Figlio

Se un bambino nasce in un matrimonio, i coniugi diventano genitori del bambino (cfr. §§ 1591, 1592 n. 1 BGB). Il prerequisito per questo, tuttavia, è che la coppia sposata sia una donna e un uomo (Sezione 1592 n. 1 BGB). Se la donna che partorisce è sposata con una persona non maschile (ingresso di sesso femminile, diverso o senza ingresso di genere), il bambino non riceve automaticamente due genitori alla nascita, ma solo uno: la persona che partorisce (madre ai sensi del § 1591 BGB). Il secondo genitore viene indirizzato all'adozione del figliastro per stabilire la genitorialità legale – un processo in cui l'intera famiglia è sottoposta a un controllo amministrativo e giudiziario completo e che può anche essere avviato non prima di sei mesi dalla nascita del bambino. Il BGH lo ha confermato l' ultima volta nel 2018. Diverse famiglie in tutta la Germania lo stanno ora mettendo in discussione in tribunale: chiedono sicurezza giuridica per se stesse e per i loro figli e considerano discriminatorio e irragionevole l'obbligo di condurre una procedura di adozione.

Due tribunali hanno ora (di conseguenza) approvato gli argomenti dei ricorrenti e quindi si sono espressamente opposti al punto di vista del BGH: considerano incostituzionali le norme di diritto civile sulla parentela e hanno sottoposto i casi alla Corte costituzionale federale. Arrivano a questa conclusione per diversi motivi: una volta con un focus sulla libertà e una volta esclusivamente sulla legge sull'uguaglianza.

Violazione della potestà genitoriale, articolo 6, comma 2, primo comma, Legge fondamentale

Il 21 ° Senato Civile dell'Alta Corte Regionale di Celle ( Az. 21 UF 146/20 ) sostiene che la mancanza di regolamentazione giuridica della "co-maternità" significa che la moglie sposata con la madre naturale nei suoi diritti genitoriali costituzionalmente tutelati dall'art. 6, comma 2, clausola 1 della Legge fondamentale danneggiato. Secondo la giurisprudenza della Corte costituzionale federale, il diritto e il dovere di prendersi cura e allevare i figli si basa sul fatto che i genitori hanno dato la vita al bambino e che hanno legami sociali e familiari. Questi elementi di base della giustificazione dei diritti dei genitori possono essere facilmente trasferiti ai coniugi e ai partner dello stesso sesso che hanno concepito un bambino utilizzando la medicina riproduttiva. Secondo il Senato, i diritti e gli obblighi genitoriali si applicano quindi non solo ai genitori biologici, ma anche – nei casi in cui il bambino sia concepito mediante donazione anonima di cellule germinali – anche al partner della madre (nm. 91). È fondamentale che anche lei, con il consenso della madre, voglia assumersi la responsabilità permanente e indissolubile del bambino derivante dall'inseminazione artificiale. Oltre alla donazione di sperma, la decisione congiunta e le dichiarazioni di entrambi i partner nel contesto della riproduzione medicalmente assistita sono un prerequisito necessario affinché sorga una nuova vita. Ciò giustifica l'obbligo nei confronti del bambino e quindi allo stesso tempo il diritto di potersi occupare della cura e dell'educazione del bambino (Rn. 93). Riassumendo con le parole del Senato: "Per quanto riguarda i genitori biologici, è anche vero per gli aspiranti genitori che il benessere del bambino è più importante per loro che per qualsiasi altra persona, compresi i genitori donatori […] "(marginale 94).

Per quanto riguarda la potestà genitoriale costituzionale, il Senato vede i rapporti biologici in gran parte ritirarsi a causa delle possibilità e degli sviluppi della medicina riproduttiva e degli elementi funzionali che acquistano importanza. La genitorialità omosessuale è quindi tutelata dall'articolo 6, comma 2, comma 1 della Legge fondamentale e una seconda donna "come se fosse […] una madre naturale" se, dato il legame fattuale con il figlio, la volontà di assumersi definitivamente la responsabilità e il collegamento con l'ospite, è da prevedere quella permanente Assunzione della funzione genitoriale (Rn. 98). Per quanto riguarda il rapporto genitore-figlio, il Senato ritiene che il percorso per giustificare la genitorialità tramite adozione figliastro non sia necessario e in alcuni casi irragionevole (rispetto al periodo di prova di alcuni mesi) (numeri marginali 129-133).

Oltre alla violazione dei diritti di libertà della moglie e del figlio (per garantire la cura e l'educazione dei genitori dall'articolo 2, comma 1 Legge fondamentale in combinato disposto con l'articolo 6, comma 2, frase 1 Legge fondamentale), il Senato ravvisa una discriminazione ingiustificata nei confronti sia della madre naturale che della moglie e del figlio ai sensi dell'articolo 3, comma 1 della Legge fondamentale in combinato disposto con l'articolo 6, comma 2, frase 1 della Legge fondamentale (Rn. 149 ss.). Poiché il marito della madre biologica diventa il padre del bambino per legge in conformità con la Sezione 1592 n. 1 BGB, mentre la moglie della madre biologica non riceve la seconda posizione genitoriale per il bambino, i matrimoni di coppie di sesso diverso con bambini e i matrimoni di coppie dello stesso sesso con bambini sarebbero trattati in modo diverso. Infatti, ci sarebbe un criterio specifico per assegnare il secondo genitore al figlio sia per matrimoni omosessuali che per matrimoni omosessuali: nel caso di matrimoni di sesso diverso, è la presunzione di discendenza genetica o fisica, nel caso dei matrimoni omosessuali – in base alla potestà genitoriale del coniuge di cui all'art. 6, comma 2, frase 1, Legge fondamentale – la volontà di avere il figlio con concepimento assistito e la dichiarata assunzione di responsabilità (Rn. 153). Non è riconoscibile una giustificazione oggettiva della diversa regolamentazione – soprattutto a causa dello standard rigoroso da applicare (vicinanza all'art. 3, comma 3, Legge fondamentale) (Rn. 155).

Discriminazione nei confronti di genitori di sesso diverso durante il concepimento mediante donazione di sperma qualificata, articolo 3, comma 1 Legge fondamentale

I giudici del 3 ° senato civile della Corte superiore regionale di Berlino come Senato per le questioni familiari ( Az.3 UF 1122/20 ) giustificano la loro sottomissione alla Corte costituzionale federale unicamente sulla base del fatto che un ingiustificabile trattamento ineguale del bambino e del moglie ai sensi dell'articolo 3 capoverso 1 GG rispetto a casi analoghi di matrimoni tra persone di sesso diverso (Rn. 64 ss.). Il KG si occupa molto più fortemente dell'OLG Celle della situazione specifica della donazione di sperma medicalmente assistita rispetto alle coppie eterosessuali e di altro tipo. Dall'introduzione della sezione 1600d (4) BGB nel 2018, nel caso della cosiddetta donazione di sperma qualificato (essenzialmente: inseminazione artificiale medicalmente assistita), il donatore di sperma non può più essere identificato come padre. Il legislatore ha quindi deciso che in questi casi l'assegnazione di un uomo (il marito) come padre del bambino è del tutto indipendente dalla sua genitorialità biologica. I bambini concepiti attraverso l'inseminazione artificiale medicalmente assistita con l'aiuto di un donatore di sperma anonimo verrebbero quindi trattati in modo ineguale, a seconda che siano nati con la madre in un matrimonio omosessuale o omosessuale. Ciò è costituzionalmente ingiustificabile. In entrambi i casi, l'assegnazione della genitorialità legale è completamente svincolata dalla genitorialità biologica.

Il KG è inoltre del parere che il bambino e la moglie della madre non possano essere riferiti alla deviazione di un'adozione.

Discriminazione in base al sesso, articolo 3, paragrafo 3, frase 1, Legge fondamentale

Ciò che entrambe le risoluzioni hanno in comune è che ignorano i diritti speciali di uguaglianza. Tuttavia, esiste una discriminazione in base al sesso, articolo 3, paragrafo 3, frase 1 della Legge fondamentale.

In quanto figli legittimi dei loro genitori non eterosessuali, i bambini come quelli nelle procedure presentate sono in svantaggio rispetto ai figli legittimi e illegittimi di coppie eterosessuali: perché le loro madri non sono sposate con un uomo, ma con una persona del non maschio genere – non ottengono qua Nascita la stessa protezione legale. Colpisce una massiccia incertezza giuridica e svantaggio: i bambini sono privati ​​della metà della sicurezza e delle cure legali. Se dovesse accadere qualcosa alla madre biologica, i bambini sarebbero legalmente orfani e, nel peggiore dei casi, verrebbero presi in custodia dallo stato, anche se a quel punto erano cresciuti con un secondo genitore premuroso. In caso di decesso del secondo genitore, anche i figli non hanno diritto alla mezza rendita per orfani.

I due genitori (desiderati) sono anche svantaggiati rispetto ai matrimoni e alle unioni eterosessuali, poiché il loro matrimonio non ha alcun effetto in termini di legge sulla genitorialità e nessun altro riconoscimento della genitorialità è possibile.

Entrambi gli svantaggi sono basati sul genere: la possibilità di raggiungere lo stato di secondo genitore è legata al genere maschile.

Secondo la giurisprudenza consolidata della Corte costituzionale federale ( BVerfGE 85, 191, 107 ), la disparità di trattamento basata sul sesso è consentita solo se assolutamente necessaria a causa delle differenze biologiche. Ma questo non è il caso qui. La genitorialità legale può derivare da incarichi diversi. L'assegnazione biologica (presunta) può essere la più comune, ma non deve essere l'unica. Il fattore decisivo è la disponibilità ad accettare la responsabilità a lungo termine. Il fatto che ciò sia necessariamente legato alla classificazione biologica è messo in discussione (al più tardi) dalla diversificazione delle forme familiari e dalla medicina riproduttiva. Inoltre, qualsiasi diritto dei genitori biologici e il diritto del bambino di conoscere la propria parentela possono essere garantiti indipendentemente dalla protezione legale della genitorialità effettivamente voluta e vissuta.

Il diritto alla genitorialità è una delle ultime aree di legami legati al genere – e discriminazione legata al genere – nella legge tedesca. Le risoluzioni di Celle e Berlin riguardano il caso speciale della donazione di sperma medicalmente assistita nelle coppie femminili. Gli argomenti, in particolare le dichiarazioni dell'Alta Corte Regionale di Celle sulla giustificazione della genitorialità attraverso una dichiarata assunzione di responsabilità, possono aprirci gli occhi sulla discriminazione esistente nei confronti delle famiglie non eterosessuali di vario genere. la volontà di assumersi la responsabilità non è mai stata obbligatoria (soprattutto da parte maschile); Le possibilità della medicina riproduttiva, la crescente flessibilità della legge sullo stato civile (diversa, senza ingresso di genere, cambio di ingresso di genere) e il numero crescente di famiglie queer stanno scuotendo i presupposti biologici e il loro legame con la genitorialità. Le decisioni dell'OLG Celle e del KG Berlin possono quindi essere il preludio a un ripensamento fondamentale della genitorialità legale dinanzi alla Corte costituzionale federale (e per un successivo iter legislativo): dall'importanza fondamentale dell'assegnazione biologica (presunta) a una comprensione funzionale della genitorialità legale, dove il fattore decisivo è la volontà di assumersi la responsabilità genitoriale – e non l'ingresso di genere dei genitori.


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su Verfassungsblog all’URL https://verfassungsblog.de/mutter-mutter-kind/ in data Fri, 16 Apr 2021 08:14:12 +0000.