La dura politica in materia di immigrazione porta a uno storico processo di impeachment in Danimarca

All'inizio di febbraio 2021, il parlamento danese ha compiuto il passo straordinario di avviare un processo di impeachment contro Inger Støjberg, ministro dell'immigrazione tra il 2015 e il 2019. Il processo è l'ultimo capitolo di un caso controverso e complesso sul trattamento delle coppie richiedenti asilo, dove un partner ha meno di 18 anni. Nel 2016 il Ministro ha emanato una direttiva sulla separazione di tutte queste coppie, senza eccezioni, e l'amministrazione l'ha attuata. Questa direttiva è stata successivamente dichiarata chiaramente illegale sia in base al diritto amministrativo danese che alla Convenzione europea dei diritti dell'uomo.

Il caso è un esempio di una tensione in corso tra diritto costituzionale e diritti umani da un lato e politica danese in materia di immigrazione dall'altro.

Contesto storico

Solo 30 anni fa, la Court of Impeachment danese stava arrivando al cimitero. Non era stato attivato dal 1910 e nessuno credeva davvero alla sua rinascita. Tuttavia, in un caso di impeachment all'inizio degli anni '90, questa situazione è cambiata. Nel 1995, l'ex ministro della Giustizia, Erik Ninn-Hansen, ha ricevuto una condanna a quattro mesi con la sospensione della pena per aver impedito ai rifugiati dello Sri Lanka di avvalersi del loro diritto al ricongiungimento familiare. Immediatamente dopo, ha avuto luogo un autoesame critico nell'amministrazione statale danese, poiché i dipendenti pubblici non erano stati in grado di mettere piede di fronte a un ministro insistente e quindi non hanno impedito le azioni illegali. Sono state prodotte linee guida etiche per prevenire incidenti simili in futuro. La Corte di impeachment potrebbe ora tornare al suo torpore.

La Danimarca ha una lunga tradizione di governi di minoranza e una reputazione per un parlamento forte con controlli efficaci – ad esempio, un voto di sfiducia per costringere un ministro a dimettersi – per ritenere il governo responsabile. In questo contesto, non ci si aspetterebbe un forte bisogno di attivare la Corte di impeachment contro un ministro incriminato. Tuttavia, la Corte di impeachment è stata ora risvegliata e non sorprende che il caso controverso riguardi ancora una volta la politica dell'immigrazione, un bambino danese problematico per i diritti costituzionali e umani.

Separazione di tutte le giovani coppie richiedenti asilo

Nel febbraio 2016, sulla scia di un dibattito pubblico sulle cosiddette “ spose bambine '' (riferito al matrimonio tra una ragazza di età inferiore ai 18 anni e un adulto o un altro bambino), Inger Støjberg, allora ministro dell'Integrazione, ha dichiarato che l'asilo -le coppie in cerca di coppie in Danimarca, dove un partner ha meno di 18 anni, dovevano essere separate e impedite loro di vivere insieme. Questo ordine è stato annunciato in un comunicato stampa, senza menzionare alcuna eccezione. Subito dopo è iniziata la separazione delle giovani coppie presso i centri di asilo. Ventitré coppie sono state separate, senza prove di matrimonio o unione forzata, anche quando le coppie avevano figli o il coniuge era incinta. Nella maggior parte dei casi , la differenza di età non era significativa; in molti casi le donne avevano 16 o 17 anni e l'uomo solo pochi anni più vecchio.

L'ordinanza ministeriale di separazione delle coppie ha sollevato preoccupazioni da esperti legali indipendenti. Per uno, non c'era una valutazione individuale delle coppie colpite. Dall'altro, le misure hanno potenzialmente violato il diritto alla vita familiare, tutelato dall'articolo 8 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo. Tuttavia, è stato solo dopo che una coppia siriana ha presentato una denuncia al difensore civico, dopo essere stata collocata in centri di asilo separati, che il caso ha iniziato ad accelerare. Nel marzo 2017, il Mediatore ha pubblicato una valutazione notevole del caso, affermando che l'ordinanza ministeriale era altamente problematica.

Il Mediatore ha segnalato possibili violazioni dei principi fondamentali del diritto amministrativo nel diritto nazionale, nonché degli obblighi internazionali in materia di diritti umani. Tuttavia, il Mediatore non è stato in grado di trarre conclusioni precise su queste specifiche questioni legali, poiché il Difensore civico danese non ha poteri investigativi e basa le sue valutazioni solo su materiale scritto delle autorità pubbliche coinvolte.

Reazioni politiche e strumenti di responsabilità

La grave critica del Mediatore ha indotto l'opposizione parlamentare a sollevare interrogativi, portando la commissione per l'immigrazione e l'integrazione a invitare più volte il ministro nella primavera del 2017 per esaminare la questione. La pressione politica sul ministro si è intensificata, poiché le rivelazioni sui media hanno indicato che era stata espressamente avvertita dell'illegalità della pratica di separazione dal suo dipartimento. Le spiegazioni del ministro, purtroppo, in realtà non hanno fatto molta luce sulle ulteriori circostanze del caso, poiché Støjberg ha fornito dichiarazioni diverse al Parlamento nel corso dei mesi. Ha continuato a sostenere di aver agito per proteggere le ragazze e che non c'era motivo di incolpare personalmente il Ministero.

All'epoca, l'opposizione al ministro e la sua discutibile pratica nei confronti dei richiedenti asilo non costituivano la maggioranza del Parlamento. La Danimarca non ha la tutela delle minoranze come raccomandato nella risoluzione del Consiglio d'Europa n.1601 / 2008 , che prevede il diritto di richiedere una commissione d'inchiesta se viene raggiunto il quorum di un quarto dei parlamentari (linea guida 2.2.8). In Danimarca, l'istituzione di una commissione d'inchiesta o di strumenti simili richiede una maggioranza semplice. Quindi, è abbastanza difficile riuscire a avviare un'indagine indipendente su un potenziale abuso di potere, se il ministro è popolare o se la questione è politicamente controversa.

Solo dopo lo spostamento del potere dopo le elezioni generali nella primavera del 2019, c'è stata una maggioranza per istituire la proposta di commissione d'inchiesta. La recente decisione sull'attivazione della Corte di impeachment è il risultato diretto delle chiare conclusioni che questa commissione ha tratto nel dicembre 2020. L'indagine ha rilevato che la direttiva dell'ex ministro era chiaramente illegale e che il ministro aveva ricevuto avvertimenti espliciti dal servizio civile che la separazione delle coppie senza eccezioni era illegale. Inoltre, la commissione ha concluso che il ministro ha indotto in errore il Parlamento, poiché ha fornito una descrizione errata o fuorviante del corso degli eventi. La commissione d'inchiesta deve ancora trarre conclusioni sulla responsabilità dei singoli dipendenti pubblici. Questo sub-report dovrebbe essere pubblicato il 26 aprile 2021.

Politica sull'immigrazione: un punto cruciale

Non è una coincidenza che questo scandalo riguardi la politica dell'immigrazione.

Negli ultimi decenni, il panorama politico in Danimarca è stato notevolmente influenzato dal partito populista di destra, il Partito popolare danese. Sostiene a favore di dure politiche di immigrazione e contro le norme internazionali sui diritti umani, quando tali norme ostacolano posizioni restrittive nei confronti di immigrati e rifugiati. Rispetto a molti altri paesi europei con partiti populisti di destra simili, il Partito popolare danese ha avuto un'influenza politica significativa, specialmente negli anni 2001-2011 dove il partito era un partito di sostegno permanente per il governo di minoranza liberale-conservatrice ed è riuscito a fare pressioni avviare una serie di misure rigorose nei confronti degli immigrati. In una certa misura, il Partito popolare danese ha mantenuto la sua importanza da allora, poiché i partiti consolidati hanno integrato la posizione rigorosa sull'immigrazione nelle loro politiche. Anche se il partito non ha più una posizione centrale in Parlamento, dopo una considerevole sconfitta elettorale nel 2019, la politica dell'immigrazione si è guadagnata la reputazione di biglietto d'oro per rimanere in carica in Danimarca.

Questo status speciale della politica di immigrazione è importante per molte ragioni. Innanzitutto, c'è una tensione continua tra l'attuale politica danese sull'immigrazione da un lato e il diritto costituzionale e i diritti umani dall'altro, con iniziative politiche che testano i confini. Nel perseguire Støjberg, i politici possono essere sospettati di allontanarsi dalla linea dura sull'immigrazione. Ad esempio, l'attuale governo socialdemocratico ha promesso esplicitamente alle elezioni di non alterare le rigide politiche di immigrazione. Allo stesso modo, il partito liberale in competizione ha avuto una carta molto forte a Støjberg, un intransigente sull'immigrazione, e ha guidato l'ulteriore inasprimento delle norme in materia di asilo e immigrazione. Pertanto, non è stata una decisione facile per i parlamentari danesi votare per il processo di impeachment contro l'ex ministro dell'Integrazione.

Lezioni imparate?

La questione è se il processo di impeachment sia una buona notizia o una cattiva notizia dal punto di vista della legge costituzionale e del diritto dei diritti umani. Non è una domanda facile a cui rispondere. In primo luogo, è allarmante che si verificassero queste violazioni dei diritti dei richiedenti asilo, anche se l'illegalità era abbastanza chiara. È stimolante che la burocrazia professionale che assiste il ministro non sia riuscita a ostacolare o prevenire questa cattiva amministrazione. Dall'altro, la decisione di avviare un processo contro il ministro responsabile può essere vista come un rafforzamento degli elementi fondamentali di un “Rechtsstaat”, ovvero che anche i ministri – anche quelli popolari – devono rendere conto alla legge.


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su Verfassungsblog all’URL https://verfassungsblog.de/immigration-impeachment/ in data Wed, 03 Mar 2021 08:52:27 +0000.