“Inesistente”

Martedì scorso, il Tribunale costituzionale polacco ha emesso una sentenza che chiarisce inequivocabilmente la portata della crisi dello stato di diritto in Polonia. E mostra come il divario con l'Europa si stia ampliando di giorno in giorno.

La sentenza di martedì fa parte di una storia molto più ampia. Ma per comodità iniziamo dai primi di maggio: nel caso Xero Flor v. Polonia , già segnalato su Verfassungsblog, il ricorrente si è lamentato di una sentenza del Tribunale costituzionale polacco emessa da un collegio che comprendeva un membro nominato illegalmente. La sua nomina nel 2015, e quella di molti altri, era contraria alla legge polacca applicabile, come già stabilito dal Tribunale costituzionale nella sua precedente composizione. Tuttavia, le autorità polacche avevano deliberatamente ignorato le relative sentenze, nonché le numerose proteste avanzate da organismi europei e internazionali. L'intero corso degli eventi ha portato la Corte europea dei diritti dell'uomo alla conclusione unanime che l'articolo 6 della CEDU era stato violato.

Successivamente l'Ombudsman polacco Adam Bodnar, riferendosi alla sentenza Xero Flor , ha impugnato un altro nuovo 'giudice' della Corte Costituzionale. Ciò ha portato a una decisione interlocutoria del Tribunale costituzionale del 15 giugno 2021, la cui sostanza recita quanto segue:

2.2 A parere della Corte Costituzionale, la sentenza della CEDU del 7 maggio 2021, per quanto riguarda la Corte Costituzionale, si basa su tesi che dimostrano una scarsa conoscenza dell'ordinamento giuridico polacco, compresi i principi fondamentali che regolano la posizione, sistema e ruolo del Tribunale costituzionale polacco. Al riguardo, la sentenza è stata emessa senza fondamento giuridico, eccede la competenza della CEDU e costituisce un'ingerenza illecita con l'ordinamento giuridico nazionale, soprattutto nelle materie che esulano dalla competenza della CEDU; per questi motivi deve ritenersi un giudizio inesistente (sententia non existens) .

Questo è inaudito. Come uno struzzo, la Corte costituzionale nasconde la testa sotto la sabbia: questa sentenza di Strasburgo non esiste. E non è l'unica cosa che viene seppellita. È in gioco anche la posizione della Polonia come Alta Parte contraente della CEDU.

Certo, le opinioni possono divergere sulla sentenza di Strasburgo in Xero Flor . È stata ideata una procedura proprio per affrontare tali divergenze di opinione: l'articolo 43 della CEDU consente alla Polonia di richiedere, fino al 7 agosto, il rinvio del caso alla Grande Camera. Se la richiesta verrà accolta, il governo polacco avrà ampia possibilità di spiegare perché ritiene che la sentenza della Camera su Xero Flor sia sbagliata e debba essere ribaltata. La Corte Costituzionale, infatti, avrebbe potuto dire che la sentenza Xero Flor non è ancora definitiva e che, di conseguenza, potrebbe essere per il momento ignorata. Non sarebbe stato molto convincente, ma almeno sarebbe stata una via d'uscita. Eppure non è affatto quello che è successo qui. La Corte Costituzionale ha optato per una variante altrettanto rozza e maligna della sentenza Weiss del Bundesverfassungsgericht , in cui la Corte costituzionale tedesca ha stabilito che una sentenza della Corte di giustizia UE era ultra vires . Come ci si poteva aspettare, quel precedente – opportunamente spogliato di ogni sfumatura – è stato ora colto con gratitudine. Ed ecco: l'apprendista stregone ha superato il suo maestro. Non bastava dire che la sentenza non era applicabile nell'ordinamento giuridico interno, come aveva fatto la Corte costituzionale tedesca: Xero Flor viene proclamato, con un'imponente formula latina, inesistente.

Questo incidente è avvenuto in un contesto più ampio che serve a illustrare la gravità della situazione. Il caso in esame, il caso P 7/20 , affronta un'altra questione spinosa: il funzionamento della Camera disciplinare della Corte suprema. Nell'ottobre 2019 la Commissione europea aveva avviato una procedura di infrazione contro la Polonia per aver introdotto una nuova legge disciplinare per i giudici. Nell'ambito di questi procedimenti, la Corte di giustizia dell'UE ha stabilito nell'aprile 2020, in via provvisoria , che la nuova sezione disciplinare non dovrebbe, per il momento, pronunciarsi su cause disciplinari contro i giudici. Secondo AG Tanchev, il cui parere in questo caso è stato pubblicato il 6 maggio, il ricorso della Commissione è fondato. La sentenza della Corte è attesa per il 15 luglio e sembra lecito ritenere che la Commissione vincerà la causa, anche tenendo conto della precedente pronuncia pregiudiziale della Corte nella causa AK .

Ma per il momento, il campo lealista del governo non cede. Già nel settembre 2020 la stessa Camera Disciplinare si era presa la libertà di ignorare la sentenza AK , sostenendo che il giudice del rinvio – altra sezione della Corte Suprema – aveva ecceduto il suo mandato. Si è sviluppata una sorta di cultura dell'annullamento costituzionale, per cui i giudici di entrambi i campi negano l'esistenza dell'altro e ignorano le decisioni dell'altro. Questa abitudine si estende ora alle corti europee, come dimostra l'annullamento da parte della Corte Costituzionale della sentenza Xero Flor . E questo ci riporta al caso P 7/20. In questo caso la Corte Costituzionale è stata chiamata a dichiarare incostituzionale il provvedimento cautelare lussemburghese dell'aprile 2020; ha dichiarato inesistente nel processo una sentenza di Strasburgo.

E non è nemmeno tutta la storia. Adam Bodnar ha impugnato un secondo giudice nello stesso caso P 7/20. Si tratta di Krystyna Pawłowicz, ex parlamentare del partito di governo PiS, che oggi si definisce giudice del Tribunale costituzionale. Bodnar l'accusa di parzialità a causa di un messaggio su Twitter in cui Pawłowicz pulisce la parola con il vicepresidente della Corte di giustizia dell'UE:

Ciò che questa signora Silva de Lapuerta ha fatto alla Polonia è una forma di aggressione spietata contro la Polonia con un pretesto infantile e con una manipolazione arbitraria delle regole … È una pratica gangster che non si addice a un tribunale dell'UE …

L'occasione per questo sfogo è l'ennesimo caso – sei ancora con me? Questa volta è la Repubblica Ceca a portare la Polonia davanti alla Corte di giustizia. La posta in gioco è la miniera di lignite di Turów che sta causando un inquinamento ambientale su vasta scala. Quando, alla fine di maggio, la Corte, tramite il suo vicepresidente, ha effettivamente imposto misure provvisorie alla Polonia, la signora Pawłowicz ne aveva apparentemente avuto abbastanza. Per inciso, anche il partner di Visegrad, la Repubblica Ceca, sta ora sperimentando il rapporto della Polonia con l'ordinamento giuridico europeo: all'inizio di giugno ha chiesto alla Corte di giustizia di infliggere alla Polonia una multa di 5 milioni di euro al giorno per il mancato rispetto delle misure imposte.

Ebbene, torniamo al caso P 7/20: Adam Bodnar vede motivo di temere che Pawłowicz non possa pronunciarsi senza pregiudizi sui provvedimenti provvisori lussemburghesi riguardanti la Camera disciplinare. Nella sua sfida cita anche altre dichiarazioni di Pawłowicz, in cui descriverebbe il vicepresidente della Corte Ue come un "sabotatore" coinvolto in uno "scandaloso complotto contro la Polonia". Così facendo, è in perfetta sintonia con politici come l'ex ministro degli Esteri Waszczykowski, che ha parlato di "guerra ideologica allo stato di diritto", o il ministro della Giustizia Ziobro, che l'anno scorso ha descritto lo stato dell'Unione del presidente della Commissione Von der Leyen. discorso come un "attacco delle élite europee alla democrazia polacca".

Una sentenza sulla seconda sfida di Bodnar deve ancora arrivare. Ma questo crescente groviglio di procedure chiarisce già alcune cose. Prima di tutto, qualcuno che a quanto pare si considera membro di uno dei più alti tribunali dello Stato membro dell'UE, la Polonia, non rifugge da dichiarazioni populiste che mostrano una totale mancanza di rispetto per l'Unione e per il diritto europeo. In secondo luogo, lo stesso atteggiamento è ora evidente nelle decisioni formali della Corte costituzionale. Ignora clamorosamente una sentenza della Cedu: sententia non esisten . In terzo luogo, con la decisione del 15 giugno 2021, la Corte Costituzionale ha bruciato tutte le navi dietro di essa. Se qualcuno sperava ancora che i membri nominati illegalmente si ritirassero a seguito di Xero Flor , è ora inequivocabilmente chiaro che non ci sarà tale compromesso. In quarto luogo, se il vertice della piramide giuridica si sente libero di ignorare il diritto europeo, viene distrutta la base della fiducia reciproca tra gli Stati membri dell'UE. Come ci si può aspettare, ad esempio, che i giudici degli altri Stati membri continuino a collaborare? Ora c'è un sito web in costruzione che ti permetterà di scoprire quale giudice polacco è o non è un giudice "vero". Ma ovviamente non è questo il modo di procedere in pratica. Infine, anche il più grande pacificatore ora avrà difficoltà a negare che i tentativi di avviare un dialogo con la Polonia sono stati principalmente una perdita di tempo.

Cosa fare con i negazionisti Xero Flor ? Sembra chiaro . Se il Comitato dei ministri del Consiglio d'Europa lascerà passare, non sarà solo un duro colpo per l'autorità e l'efficacia della Corte di Strasburgo, ma anche i tutori dello Stato di diritto si saranno arresi più velocemente di quanto pensassimo.


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su Verfassungsblog all’URL https://verfassungsblog.de/non-existent/ in data Fri, 18 Jun 2021 16:24:56 +0000.