In che modo i privilegi di accesso modellano l’istruzione e la ricerca

Che dire dell'accesso alla letteratura giuridica in tempi di pandemia? Fondamentalmente come prima e probabilmente dopo: l'accesso è un privilegio – e questo è un problema, come vorrei descrivere in base alla mia esperienza.

Ho il privilegio di far parte di un'università tedesca da ben sette anni. Questo mi dà accesso alle pubblicazioni scientifiche. Fino a marzo 2020, potevo visitare una delle dozzine di biblioteche del campus universitario o accedere a innumerevoli articoli specialistici e capitoli di libri comodamente dal mio computer. Tutto ciò di cui avevo bisogno era un numero di dodici cifre e una password. A tutt'oggi, questi aprono la porta a un enorme serbatoio di pubblicazioni scientifiche.

Cosa è cambiato con la pandemia? Ebbene, per qualche settimana tutte le biblioteche universitarie sono state "chiuse" a causa della pandemia. Quindi non era possibile prendere in prestito libri. La chiusura è stata una sorpresa per tutti noi, tanto che il personale della biblioteca ha impiegato alcune settimane per passare da “Scansione e invio” a “Prestito di 10 libri per 2 giorni” a “Prestito regolare secondo le norme igieniche”. Questo ha posto grandi sfide per molti dei miei compagni. Tuttavia, sono stato principalmente in grado di accedere agli articoli specialistici disponibili online per la mia prossima tesi di master in economia. Tuttavia, poiché allo stesso tempo mi stavo preparando per il dottorato in giurisprudenza, spesso avevo bisogno di accedere alle copie presentate.

Ben protetto: autenticazione a due fattori su Beck-Online. Schermata: Konstantin Gast.

La pandemia quindi mi ha colpito meno in termini di accesso alla letteratura scientifica. È stato solo evidente quanto sia vantaggioso quando le pubblicazioni sono accessibili digitalmente (anche con l'autenticazione a due fattori à la Beck-Online). Molti studenti e dipendenti dell'università hanno dovuto imparare rapidamente come accedere agli eBook con un tunnel VPN (senza sapere cosa significa l'acronimo, ovvero "Virtual Private Network", ho anche dovuto prima cercarlo su Google). Ero anche sempre felice quando riuscivo a scaricare più di 51 pagine di un libro di 374 pagine al giorno, in modo da non dover passare giorni a ottenere un intero libro in formato PDF. La chiusura del traffico delle biblioteche fisiche dovuta alla pandemia ha mostrato che l'accesso alla letteratura accademica per i membri di un'università è principalmente un problema della scarsa digitalizzazione delle pubblicazioni. Tuttavia, ciò non è indipendente dal finanziamento dell'accesso alle pubblicazioni scientifiche. Un acquirente istituzionale come l'università non può sempre acquisire una licenza per un eBook allo stesso prezzo di una copia cartacea (se l'opera è disponibile anche come eBook). Se il prezzo dell'eBook è troppo superiore a quello della copia stampata, quest'ultima verrà acquistata.

Più privilegiato di altri

La maggior parte delle persone non ha il privilegio istituzionale che l'università mi concede l'accesso alle pubblicazioni scientifiche. E anche se fanno parte di un'università, dipende comunque dalle risorse finanziarie della rispettiva istituzione quanto sia esteso l'accesso (digitale) alla letteratura. Un'istituzione spesso deve acquistare l'accesso alla conoscenza scientifica. Più risorse finanziarie un'università ha a disposizione per questo, più ampio è l'accesso individuale. Le università in Germania dispongono già di risorse diverse. Queste differenze sono ancora maggiori in tutto il mondo.

Ho potuto sperimentare questa differenza in un modo per me positivo. Studiare all'estero in un'università di Londra ha ampliato il mio accesso alle pubblicazioni scientifiche. Ancora una volta erano sufficienti un numero e una password. Ogni volta che il mio accesso è stato limitato dalla mia università di Göttingen, grazie al mio secondo account di Londra sono stato in grado di leggere la letteratura, il cui accesso era inizialmente bloccato. L'università inglese non solo si è abbonata a riviste più specializzate, ma gli anni in corso sono stati anche spesso autorizzati, un dettaglio piccolo ma non di poco conto. Inoltre, ho l'impressione che ci fossero molte più opere disponibili in formato eBook rispetto all'Università di Göttingen. Quindi il mio accesso alla conoscenza scientifica non dipende solo dal fatto che io faccia parte di un'università, ma anche da quale e in quale paese .

Anche con due account, a volte non avevo accesso a determinate pubblicazioni. Il mio ulteriore privilegio era ed è il contatto con altri ricercatori che sono stati in grado di inviarti PDF. Lo scambio informale di pubblicazioni è considerato una pratica non detta della scienza.

Inoltre, per le mie origini, sono privilegiato dalle conoscenze che ho acquisito durante i miei studi, ma che avevo anche in alcuni casi prima. Perché non sono la prima persona della mia famiglia ad aver studiato. Il mio accesso alle pubblicazioni è più facile e maggiore quando so tecnicamente come accedere ai media digitali tramite VPN o propongo un libro per l'acquisto. Posso solo parlare della mia esperienza: non ho scoperto queste cose da solo. Ad esempio, questi mi sono stati spiegati casualmente da un bibliotecario come parte di un progetto di ricerca studentesco. Alcuni dei miei compagni erano anche sorpresi ogni volta che glielo raccontavo.

Richiesta di libri per studenti, Biblioteca universitaria di Göttingen. Schermata: Konstantin Gast.

Come già accennato, un'opera viene spesso acquistata come copia stampata per motivi di costi di licenza. A parte il fatto che la versione cartacea non è disponibile il giorno successivo, come l'eBook, ma spesso solo dopo diverse settimane in biblioteca, la versione cartacea può essere utilizzata solo da una persona alla volta e richiede una presenza fisica in università Posizione. Un'acquisizione semplificata degli eBook sarebbe quindi un grande arricchimento, anche perché gli studenti di giurisprudenza hanno spesso bisogno di una letteratura molto specifica, soprattutto per tesi focus con un tempo di elaborazione – molto breve – di sei settimane. Con le tesine c'è anche il problema che decine di studenti hanno bisogno della stessa letteratura e quindi competono per le pubblicazioni disponibili in biblioteca.

Costi di ricerca e istruzione

Il mio accesso alla letteratura accademica costa denaro alle università. I ricercatori devono prima essere formati e poi pagati per fare ricerca. Hanno anche bisogno di uffici, computer, laboratori e molto altro. Pertanto, sembra intuitivo che la letteratura scientifica non debba essere utilizzata senza un compenso finanziario.

Se l'acquisto dell'accesso alla letteratura scientifica finanziasse la scienza, capirei perché l'accesso alla conoscenza ha un prezzo. Tuttavia, i ricercatori generalmente non vengono pagati per la pubblicazione o la revisione tra pari di articoli specialistici. Prendono lo stipendio dall'università. L'università acquista quindi l'accesso a riviste specializzate che contengono articoli di ricercatori che hanno scritto nelle università. La scienza non è quindi in alcun modo finanziata dai proventi delle riviste specializzate. Al contrario: l'acquisizione dell'accesso ostacola il lavoro scientifico. Secondo le statistiche delle biblioteche tedesche, la sola Biblioteca statale e universitaria di Göttingen spende ogni anno ben quattro milioni di euro in licenze per riviste specializzate digitali. Con questi soldi si potrebbero finanziare ogni anno 120 dipendenti scientifici aggiuntivi (TV-L 13, 50%). Lascio che funzioni per un momento. Non sono favorevole alla creazione di nuove posizioni per il personale accademico dal budget della biblioteca. Piuttosto, osservo che in alcuni luoghi il denaro fluisce dalla comunità scientifica – per esempio agli editori privati ​​- e allo stesso tempo mancano i soldi per la ricerca in altri luoghi.

Finché faccio parte di un'università, ho un buon accesso alla letteratura scientifica. Posso rimanere parte dell'università sia come dottorando che come membro dello staff. La maggior parte di questi fattori sono reciprocamente dipendenti, perché ho bisogno di soldi per fare il mio dottorato. Anche per ottenere una borsa di studio, devo prima essere in grado di finanziare 6-12 mesi in modo indipendente, ad esempio per preparare una sinossi affidabile di una tesi.

La banchisa si sta sciogliendo

L'accesso alla letteratura accademica dipende anche dal privilegio di appartenere a un'università. Tuttavia, questo privilegio è come un lastrone di ghiaccio che si scioglie. Anche se i tagli di 25 milioni di euro ai finanziamenti di base a tutte le università della Bassa Sassonia da parte del governo statale (come riportano NDR e FAZ ) non sono direttamente correlati al mio accesso personale alla letteratura scientifica, influenzano indirettamente il mio accesso. Da un lato, è prevedibile che i budget delle biblioteche si ridurranno. Questi sono almeno in parte finanziati da fondi statali. I tagli possono significare che in futuro verranno acquisite meno licenze per le riviste di settore o che non ci saranno acquisizioni altrove. D'altro canto, il minor finanziamento statale implica già che le posizioni non possono essere ricoperte da personale scientifico. Tuttavia, questi non sono solo essenziali per il mio accesso alla letteratura scientifica come studente di dottorato e dipendente, ma anche per la pubblicazione della scienza. Non voglio semplificare eccessivamente i flussi di finanziamento complessi. Piuttosto, vorrei sottolineare il fatto che è molto discutibile se i ricercatori sono finanziati da fondi pubblici per la loro ricerca – e le pubblicazioni che ne derivano – e poi questa ricerca è amministrata da editori privati. Questo a sua volta significa che altri ricercatori possono accedervi solo se pagano denaro o se hanno il privilegio di far acquistare al loro istituto questo accesso sulla base di fondi pubblici. Con questi tagli, il mio lastrone di ghiaccio e quello di molti altri giovani scienziati si stanno sciogliendo sempre di più.

Come rispondo alla domanda sulla mia esperienza con l'accesso alla letteratura in tempi di pandemia? Come prima e probabilmente dopo: l'accesso spesso non è un problema, è un mio privilegio. Parte della soluzione potrebbe essere pubblicazioni ad accesso aperto. Ma solo se questi non comportano nuovi costi per i ricercatori. Fino ad allora, sarei felice di ricevere l'uno o l'altro eBook che posso scaricare come PDF completo con un clic. Si può ancora sognare.


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su Verfassungsblog all’URL https://verfassungsblog.de/wie-zugangsprivilegien-bildung-und-forschung-praegen/ in data Fri, 18 Jun 2021 11:51:42 +0000.