Finanziamenti statali sotto accusa

Il 26 e 27 gennaio 2021 , la Corte costituzionale federale ha voluto negoziare una legge che aumentasse il limite massimo per il finanziamento statale parziale per i partiti politici da ben 165 milioni di euro a 190 milioni di euro nel 2018. 216 membri del Bundestag del FDP, DIE LINKE e BÜNDNIS 90 / DIE GRÜNEN avevano presentato una domanda di revisione della norma astratta (2 BvF 2/18), il gruppo parlamentare AfD sta conducendo una controversia d'organo. In sostanza, si tratta di stabilire se il principio della libertà dello Stato delle parti dall'articolo 21 GG sia violato dai fondi aggiuntivi (2 BvE 5/18). A causa della corona, la data di negoziazione è stata annullata .

Questo dà il tempo di riflettere se la costituzione contenga davvero un tetto assoluto che i legislatori democratici non possono superare in termini di finanziamento statale per i partiti politici. Uno sguardo alla dogmatica, al diritto comparato e alla realtà della politica finanziaria mostra che gli argomenti migliori parlano contro di essa.

Terreno instabile

C'è poco nella costituzione sul finanziamento dei partiti, ma molto nella giurisprudenza della Corte costituzionale federale. Lì le affermazioni sono apodittiche, ma cambiano regolarmente. La prima decisione fondamentale del 1966 sosteneva ancora che la costituzione vietava il finanziamento delle attività generali dei partiti politici con risorse statali oltre al rimborso dei costi puri della campagna elettorale. Quello era estraneo alla vita. Nel 1992 il Secondo Senato lo ha corretto e da allora il finanziamento delle attività generali dei partiti politici è stato costituzionalmente ammissibile, purché siano soddisfatte determinate condizioni. L'aspetto centrale è che il finanziamento statale non deve superare le entrate generate dal partito stesso (cosiddetto limite superiore relativo, sezione 18 (5) frase 1 della ParteG), quindi si ha solo il "finanziamento parziale" statale. Nuova e sorprendente nel 1992 fu la tesi del Secondo Senato secondo cui la costituzione imponeva un limite massimo assoluto al volume totale annuo dei fondi statali per i partiti. Per semplicità, il Senato ha equiparato questo limite ai pagamenti statali ai partiti in quel momento. Il legislatore parlamentare non è più autorizzato a decidere liberamente sull'ammontare del volume totale del finanziamento statale, ma solo di aggiornarlo in base alla situazione e alle esigenze – tutto in caso di controversia sotto il controllo della Corte costituzionale federale.

Dubbi sulla giustificabilità dogmatica di un limite massimo assoluto

Il concetto giudiziario di un limite superiore assoluto costituzionalmente diretto non è dogmaticamente convincente. Già nel 1992, gli argomenti presentati sembravano stranamente confusi. La priorità dell'autofinanziamento delle parti rispetto al finanziamento statale era già adeguatamente presa in considerazione dall'esigenza di un limite massimo relativo. Perché un aumento del volume totale dei fondi statali per i partiti politici entra in gioco solo se i partiti possono aumentare il proprio reddito nella stessa misura, cioè ricevere più quote associative e più donazioni.

La decisione all'epoca sostituì l'argomento fattuale mancante con il semplice postulato che l'importo del finanziamento statale avrebbe dovuto essere limitato a ciò che è essenziale per mantenere la funzionalità delle parti e non può essere aumentato da loro stesse. Questo approccio alla legge sull'assistenza sociale non è né convincente né convincente, ma piuttosto antidemocratico e pericoloso. Perché la costituzione dovrebbe obbligare i partiti a mantenerli sempre sull'orlo dell'incapacità di funzionare? E perché la valutazione di questa questione dovrebbe essere ritirata dal legislatore democratico e la questione dovrebbe essere trasferita alla Corte costituzionale federale?

L'ulteriore affermazione che le esigenze finanziarie delle parti dovrebbero essere basate sul quadro di reddito disponibile presuppone già un limite massimo costituzionale e, se necessario, fornisce un'indicazione del suo contenuto. L'idea che il legislatore di bilancio sia vincolato all'aumento del reddito totale per questa voce di bilancio al di sotto dell'intervallo per mille è esotica, perché viene rifiutata per tutte le altre voci di bilancio.

Altrettanto poco convincente è la nozione del tribunale, articolata all'epoca, che deve proteggere le parti da una riduzione della loro reputazione postulando un limite superiore assoluto costituzionalmente diretto, che presumibilmente si verifica inevitabilmente se i cittadini hanno l'impressione che le parti siano " utilizzando "il tesoro dello Stato. Questo non è né legalmente né empiricamente sostenibile. Tecnicamente no, perché il limite superiore relativo garantisce già che gli aumenti del volume totale dei fondi statali possano avere effetto solo se le parti possono aumentare le proprie entrate di conseguenza. E empiricamente no, perché molti altri fattori hanno almeno la stessa influenza sulla reputazione dei partiti politici. Il fatto che l'accusa di “self-service” venga sollevata a prescindere dal superamento di rigidi limiti è stato dimostrato dai dibattiti regolarmente concomitanti in occasione di aumenti dietetici.

Affiancamento costituzionale che è diventato superfluo

La vera ragione per lo sviluppo giudiziario di un limite superiore assoluto costituzionalmente diretto nella sentenza del 1992 è ovvia: si trattava di proteggere i fianchi del cambiamento operato in questa decisione dal divieto di finanziamento statale parziale delle attività generali dei partiti politici al loro ammissibilità. Il carattere fittizio di un limite superiore assoluto costituzionalmente diretto ha contribuito a raggiungere un accordo in Senato su questo cambiamento di giurisprudenza ea proteggerlo dalle critiche esterne.

Oggi, però, non ce n'è più bisogno perché la situazione costituzionale iniziale è cambiata. In risposta alla seconda sentenza di (non) divieto NPD, il legislatore che modifica la costituzione ha già deciso la controversia sull'ammissibilità costituzionale del finanziamento statale: nell'articolo 21 paragrafi 3 e 4 della Legge fondamentale, si è ancorato che alcune parti possono essere escluso dal finanziamento statale. Il finanziamento statale delle attività generali dei partiti politici è quindi riconosciuto ammissibile nel testo costituzionale stesso. Pertanto non deve più essere protetto dalle critiche aggiungendo un limite superiore assoluto presumibilmente diretto costituzionalmente.

Contesto europeo

In nessun altro luogo in Europa esiste un limite superiore assoluto, costituzionalmente diretto, per il finanziamento dei partiti da fondi pubblici tratto da un principio di libertà statale.

A livello dell'Unione Europea c'è il finanziamento dei partiti dai fondi dell'Unione, ma nessun limite massimo assoluto, sebbene né nell'Unione né in uno Stato membro sia in questione il principio della libertà dello Stato o della libertà dei partiti politici. Il diritto dell'Unione ritiene che un limite massimo relativo sia sufficiente per i partiti politici europei ( articolo 17, paragrafo 4 del regolamento (UE, EURATOM) n. 1141/2014).

Anche l'Austria non è un controesempio. La sezione 3 della legge sui partiti politici prevede un limite massimo assoluto e lo ha concepito come una disposizione costituzionale . La differenza decisiva, tuttavia, è che il regolamento non è stato sviluppato interpretando la costituzione, ma è stato creato consapevolmente dal legislatore che modifica la costituzione. Inoltre, offre un ampio margine di manovra ai legislatori ordinari, poiché consente fondi statali per i partiti politici per un importo compreso tra 3,10 EUR e 11 EUR per elettore ammissibile. Applicato alla Germania, ciò porterebbe a un quadro finanziario compreso tra 190 e 671 milioni di euro in considerazione degli oltre 61 milioni di elettori aventi diritto alle elezioni federali del 2017.

Nessun cartello tra le parti

Non c'è nemmeno motivo di nascondere questo argomento con l'argomento che un parlamento necessariamente occupato da membri di partiti politici manca dell'elemento correttivo di opposizione di interessi politici.

Non ha niente a che fare con la realtà. A differenza del Bundestag eletto nel 1990, il Bundestag eletto nel 2017 non è più composto da tre, ma da sei gruppi parlamentari con membri di sette partiti. La legge del 2018 che sarà giudicata dalla Corte costituzionale federale non è stata approvata in un consenso simile a un cartello di tutte le forze politiche, ma in un aspro confronto tra le due fazioni governative, CDU / CSU e SPD, contro la resistenza di tutte e quattro le fazioni dell'opposizione . E i membri dell'opposizione non solo hanno votato contro la legge, a prescindere dal fatto che l'aumento del limite massimo assoluto andrà a vantaggio anche dei loro partiti, ma se ne sono lamentati anche a Karlsruhe. È proprio questa politicizzazione della questione di quanto dovrebbe essere alto il finanziamento statale dei partiti politici che rimuove i pericoli sia del cartello che della perdita di reputazione dei partiti politici.

Il concetto di limite superiore assoluto costituzionalmente diretto non può quindi essere mantenuto. Se e in quale forma sia fissato un limite massimo assoluto per il finanziamento statale parziale dei partiti politici è fondamentalmente responsabilità del legislatore e non dei giudici costituzionali.

Gli sviluppi in altre aree richiedono cautela

Se il Secondo Senato volesse attenersi all'idea di un principio costituzionale di un limite massimo assoluto, dovrebbe guardare allo sviluppo dei fondi statali in altri settori. Sebbene i partiti appartengano alla società, sono concettualmente progettati per partecipare alle elezioni e nominare gli organi costituzionali (Sezione 2 (1) della PartG). Il periodo di osservazione rilevante è lo sviluppo dal 1995 al 2018 . Nel 1995 i principi stabiliti nel 1992 sono entrati in vigore per la prima volta, l'emendamento pendente a Karlsruhe si è applicato per la prima volta all'anno di domanda 2018. Il limite massimo legale per il finanziamento dei partiti politici è passato dall'equivalente di 117,6 milioni di euro nel 1995 a 190 milioni di euro nel 2018, che significa un aumento del 62 percento. Al contrario, la spesa per il Bundestag è passata da 468,2 milioni di euro a 973,7 milioni di euro (un aumento del 108 percento) e per il presidente federale, compreso l'ufficio del presidente federale, da 15,3 milioni di euro a 41,9 milioni di euro (aumento del 174 percento) e per il Corte costituzionale federale da 12,7 milioni di euro a 30,8 milioni di euro (aumento del 143 per cento). Senza l'aumento attaccato nel 2018, i fondi per i partiti politici sarebbero aumentati solo di un buon 40 per cento.

In questo contesto, anche se si mantiene la cifra di un limite superiore assoluto costituzionale diretto, sarà difficile valutare l'aumento dell'area dei partiti (62 per cento) operato dal legislatore fino al 2018 come eccessivo e incostituzionale. Un confronto con l'andamento della spesa per Bundestag, Corte costituzionale federale e Presidente federale suggerisce che il legislatore nel 2018 abbia soddisfatto un certo grado di recupero rispetto ai partiti politici.

Nota: le proposte del gruppo parlamentare AfD di emettere ingiunzioni temporanee ai sensi della Sezione 32 BVerfGG per l'abrogazione della legge che modifica la legge sui partiti politici del 10 luglio 2018 sono state respinte dalla Corte costituzionale federale in quanto inammissibili perché non ammissibili in il procedimento principale della carica d'organo, BVerfGE 151, 51; L'autore Lenz ha rappresentato il Bundestag tedesco in questo procedimento. Non è coinvolto nella causa principale a titolo consultivo o rappresentativo.


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su Verfassungsblog all’URL https://verfassungsblog.de/staatliche-parteienfinanzierung-in-der-kritik/ in data Tue, 26 Jan 2021 10:05:03 +0000.