Diritti fondamentali a pagamento

Il 1° agosto entra in vigore il Copyright Service Provider Act (UrhDaG). Con esso, non solo i sistemi di filtri algoritmici – i controversi filtri di caricamento – trovano la loro strada nella legge tedesca sul copyright. La legge prevede anche un obbligo di remunerazione per parodie, caricature e pastiche: la libertà dell'arte e la libertà di espressione in futuro costeranno sulle piattaforme. Ciò è discutibile costituzionalmente e politicamente, ma è una buona opportunità per sottolineare l'importanza della legge sul diritto d'autore per la comunicazione (piattaforma).

Il diritto d'autore come diritto normativo sulla comunicazione

Come "proprietà intellettuale", il diritto d'autore è spesso paragonato alla proprietà. Ma il legame sociale del diritto d'autore va oltre. Poiché le opere protette dal diritto d'autore sono utilizzate nella comunicazione – ad esempio attraverso citazioni e parodie – il diritto d'autore è, per sua natura, legge sulla regolamentazione della comunicazione (vedi Rehbinder/Peukert , Copyright and Related Rights, 182). Perché il diritto d'autore conferisce un diritto esclusivo a certi contenuti della comunicazione: alla parola in bocca all'altro. A cosa appartiene X, Y non è autorizzato a dirlo, a meno che non glielo dia in licenza.

Poiché Internet ha portato a un'enorme espansione della comunicazione digitale, questa circostanza non riguarda più solo autori, giornalisti, scienziati – le corporazioni degli scrittori – ma i privati ​​nella loro comunicazione quotidiana. Questo è costituzionalmente tutelato dai diritti fondamentali di comunicazione, e garantito dalle cosiddette "barriere" previste dalla legge sul diritto d'autore. Contrariamente a quanto suggerisce il termine tedesco “barriera”, secondo la magistratura lussemburghese, queste non sono da intendersi solo come eccezioni al caso normativo normale di un diritto esclusivo globale. Piuttosto, la Corte di Giustizia Europea ha già espressamente affermato che tutte le eccezioni e restrizioni al diritto esclusivo di sfruttamento dell'autore, a loro volta, stabiliscono diritti soggettivi degli utilizzatori dell'oggetto ( sentenza del 29 luglio 2019 – C-516/17, numero marginale 54 ; sentenza c. 29 luglio 2019 – C-469/17, numero marginale 70 ). Ciò che la legge tedesca sul diritto d'autore chiama "barriera" denota il diritto soggettivo dell'utente. Anche la Corte costituzionale federale ha pronunciato l'impugnazione costituzionale delle barriere, ad esempio nella sua decisione metallo su metallo ( sentenza del 31 maggio 2016 – 1 BvR 1585/13 ).

Una barriera non è solo una barriera

Pertanto, non tutti i limiti sono uguali. Alcune eccezioni nascondono semplicemente un legittimo interesse sociale. Si pensi alla cosiddetta libertà di panorama (§ 59 UrhG): le fotografie di edifici dallo spazio pubblico possono essere distribuite perché dedicate al grande pubblico; la sua diffusione non sarebbe comunque controllabile. Altre restrizioni, tuttavia, sono richieste dalla costituzione. Ad esempio, libertà da citazioni (§ 51 UrhG) e parodia (§ 51a UrhG): garantiscono un'adeguata considerazione della libertà di comunicazione che è in conflitto con la legge sul diritto d'autore. Ammontare tutte le barriere al diritto esclusivo del diritto d'autore non rende giustizia ai requisiti della Legge fondamentale.

Il catalogo delle barriere del copyright illustra questo: le barriere pongono limiti ai diritti di sfruttamento del copyright con vari gradi di intensità. Ad esempio, la legge sul diritto d'autore (UrhG) privilegia tali utilizzi delle opere come liberi di consenso e remunerazione solo se vi è un maggiore interesse pubblico. Inoltre, le restrizioni limitano l'ampio diritto esclusivo dell'autore a un diritto a un'adeguata remunerazione. Questo secondo gruppo – sulle piattaforme – dovrebbe in futuro includere anche la libertà dalla parodia (sezione 5, paragrafo 2, paragrafo 1, n. 2 UrhDaG in combinato disposto con l'articolo 51a UrhG).

Con questo, il legislatore ha già remato indietro, perché secondo la bozza del governo, ogni utilizzo delle barriere dovrebbe originariamente essere soggetto a pagamento – in particolare, dovrebbe anche costare la libertà dalla quotazione sulle piattaforme ( BT-Drs. 19/27426, p. 35 ). Contro questo, una parte della scienza del diritto d'autore ( position paper della scienza del diritto d'autore ) ha preso posizione con la richiesta: "Citazioni e parodie devono rimanere libere da remunerazione!" Un obbligo di pagamento per le forme elementari di comunicazione è una “pericolosa violazione della diga”. Il legislatore ha ceduto almeno in parte ( BT-Drs. 19/29894, p. 51 ), ma si è lasciato con l'uso più frequente della barriera, secondo la sua percezione, con il regolamento previsto: Nessun obbligo di remunerare le quotazioni – ma per parodie, caricature e pastiche.

Canone di licenza per i diritti fondamentali

La Sezione 4 UrhDaG obbliga gli operatori di piattaforme come YouTube – nel gergo legale "fornitore di servizi" – a compiere il massimo sforzo in futuro per acquisire diritti contrattuali d'uso per la riproduzione pubblica di opere protette da diritti d'autore sulle piattaforme. Inoltre, esiste una richiesta di remunerazione diretta contro la piattaforma per gli autori. Questa attuazione della direttiva DSM ( RL (UE) 2019/790 ) ha lo scopo di garantire che i titolari dei diritti siano adeguatamente coinvolti nello sfruttamento dei loro contenuti. Inoltre, tuttavia, il legislatore dispone un regime simile per la libertà dalla parodia come uso legalmente consentito con l'articolo 5 (2) UrhDaG: l'operatore della piattaforma deve anche remunerare questo – a meno che non ne escluda generalmente l'uso in termini di condizioni generali.

La giustificazione del design ( BT-Drs. 19/27426, p. 159 ) giustifica l'obbligo di contrarre quando si utilizza un'opera a scopo di parodia, caricatura o pastiche con gli usi estesi previsti di queste forme di comunicazione nel "web sociale" di oggi . Sulla base delle attuali pratiche sociali di discussione creativa dei contenuti, si può presumere che gli usi futuri saranno spesso soggetti alla barriera ora legalmente introdotta per parodie, caricature e pastiche (Sezione 51a UrhG). In questo contesto, sembra giustificato concedere ai titolari dei diritti un'adeguata remunerazione per tali utilizzi delle loro opere. La motivazione si richiama anche ad un obiter dictum della sentenza metallo su metallo della Corte costituzionale federale ( sentenza del 31 maggio 2016 – 1 BvR 1585/13 ), secondo la quale il legislatore potrebbe bilanciare la fruizione gratuita di un'opera con compenso.

Un argomento giuridico ed economico, che non è espresso nella giustificazione legale, parla a favore del regolamento: poiché l'obbligo di remunerazione di cui all'articolo 5 (2) UrhDaG porta alla parità di trattamento dell'uso contrattualmente consentito, cioè concesso in licenza, e legalmente privilegiato, facilita l'elaborazione pratica. La piattaforma e i titolari dei diritti possono ora risparmiare nel rispondere alla domanda spesso complicata se l'uso rientri nella barriera della parodia o se debba essere concesso in licenza. In caso di uso massiccio, lo sforzo necessario per stabilire i dati è così elevato che la parità di trattamento prevista dalla legge riduce i costi di transazione. L'ottimizzazione della pratica delle licenze, tuttavia, non può nascondere i punti deboli del regolamento. Fa scattare preoccupazioni politiche costituzionali e legali.

preoccupazioni costituzionali

La libertà dalla parodia stabilisce un giusto equilibrio tra il diritto d'autore dell'autore e due diritti fondamentali contrastanti ( sentenza del 3 settembre 2014 – C-201/13 ; sentenza BGH del 28 luglio 2016 – I ZR 9/15 ). Garantisce un'adeguata considerazione della libertà artistica nel diritto d'autore (art. 5 cpv. 3 GG e art. 13 GRCh). In quanto espressione dell'aspetto comunicativo della libertà artistica, è tutelata anche la diffusione pubblica delle opere d'arte. Nell'ambito della tutela dei diritti fondamentali di comunicazione rientra anche la controversa discussione sulle opere soggette al diritto d'autore (art. 5 (1) GG e art. 11 GRCh). Da Lüth ( BVerfG, sentenza del 15 gennaio 1958 – 1 BvR 400/51 ), questi sono vitali per lo stato costituzionale democratico e sono vitali per il valore della costituzione. La libertà di comunicazione è una delle condizioni per la formazione democratica dell'opinione e della volontà. Rientra nel loro ambito di tutela anche la scelta del luogo dell'enunciazione. L'utente di un'opera protetta da diritto d'autore è inoltre tutelato costituzionalmente in quanto è in grado di decidere dove esaminarla criticamente – su una rivista, un giornale o anche su una piattaforma Internet. Deve essere in grado di scegliere il luogo da cui spera di ottenere più attenzione per la sua parodia. Nell'odierno mondo digitale di internet, nella stragrande maggioranza dei casi, decideranno di non pubblicare nelle offerte degli intermediari tradizionali e di favorire la riproduzione su piattaforma internet. Le preoccupazioni anti-tematiche per un'opera dovrebbero stimolare la discussione pubblica: le piattaforme digitali lo rendono possibile. Il pubblico può interagire con l'autore o discutere tra loro con un solo clic.

Nella sua sentenza sulla musica sacra, la Corte costituzionale federale (BVerfG, GRUR 1980, 44, 48) ha fornito al legislatore delle linee guida per la progettazione delle barriere al diritto d'autore: gli atti d'uso privilegiati dalle barriere sono generalmente soggetti a remunerazione. Perché in linea di principio l'autore ha diritto alla destinazione economica della sua realizzazione intellettuale-creativa. Solo tali considerazioni di bene comune dovrebbero essere in grado di legittimare un'esclusione di ampia portata – cioè senza remunerazione – del diritto esclusivo, che, secondo il principio di proporzionalità, merita la priorità sul diritto d'autore dell'autore. Viceversa: non tutte le considerazioni di bene comune possono giustificare l'esclusione del diritto alla remunerazione. L'uso gratuito delle opere a scopo parodico, però, non è una qualsiasi considerazione del bene comune. Hanno due diritti fondamentali. Il legislatore può solo risolvere proporzionalmente il conflitto di diritti fondamentali tra la libertà di proprietà ei diritti fondamentali degli utenti confliggenti, esentando da remunerazione l'uso delle opere a scopo di parodia. Come nel mondo analogico, solo una barriera di parodia royalty-free può tenere in debito conto la libertà dell'arte e di espressione nella legge sul diritto d'autore nel mondo digitale.

Problemi legali

A parte le preoccupazioni costituzionali, ci sono preoccupazioni politiche legali sull'obbligo di remunerazione. A causa della proliferazione degli usi indotta dal digitale, il diritto d'autore sta uscendo da una nicchia per gruppi interessati (editori musicali, società di gestione collettiva, ecc.). Improvvisamente è importante anche per gli utenti finali. Questo sviluppo accresce l'importanza della materia, ma deve anche cambiarla: nel diritto ambientale fa anche la differenza che si regolino impianti industriali o privati. Il diritto d'autore dipende quindi sempre più dall'accettazione da parte degli utenti di oggetti protetti. Questo sta scomparendo sempre di più. Di recente, il diritto d'autore si è affermato come "diritto di censura" (vedi Kraetzig, Verfassungsblog, Diritto d'autore come diritto di censura ), soprattutto in relazione ai controversi filtri di caricamento. L'obbligo di risarcire parodie, caricature e pastiche sulle piattaforme non deve certo contribuire a una maggiore accettazione nella società. A questo proposito, non si può parlare di copyright come "diritto di censura" – l'uso di opere per parodie, caricature e pastiche è in definitiva anche privilegiato sulle piattaforme come uso legalmente consentito. Ma solo a pagamento. Con il disegno della libertà dalla parodia come una barriera soggetta a remunerazione, il diritto d'autore ancora una volta non rende giustizia ai suoi diritti fondamentali al di là della libertà di proprietà.

Inoltre, la motivazione della bozza sottolinea che il debitore non è l'utente, ma l'operatore della piattaforma, che attira l'attenzione del pubblico attraverso l'azione dell'utente. Dovrebbe condividere i vantaggi monetari con gli autori. I titolari dei diritti dovrebbero partecipare ai profitti che le piattaforme generano con la riproduzione delle loro opere. Ma non è anche nell'interesse di un editore di giornali o di un'emittente televisiva che terzi utilizzino un'opera protetta da copyright per parodiare le loro offerte? Può essere oggettivamente giustificato che altri intermediari non siano esposti a richieste di remunerazione? Probabilmente è solo questione di tempo prima che venga richiesto un obbligo di remunerazione per parodie, caricature e pastiche per altri intermediari al di fuori delle piattaforme (vedi anche il position paper della scienza del diritto d'autore ).

Va almeno segnalata un'ulteriore contraddizione nella valutazione. Come le opere d'autore, anche i marchi fanno parte del discorso sociale e sono quindi parodiati sulle piattaforme. Nei casi di parodie, le leggi sul diritto d'autore e sui marchi garantiscono che i diritti fondamentali di comunicazione in conflitto siano adeguatamente presi in considerazione. La libertà dalla parodia si applica alla legge sul diritto d'autore. Nel diritto dei marchi, l'elemento di azione nei "rapporti d'affari" è interpretato in conformità con i diritti fondamentali nel senso che tale azione è negata. Con l'entrata in vigore dell'UrhDaG, i costi per l'utilizzo di opere e marchi a scopo di parodia non sono più gli stessi: la parodia del marchio rimane gratuita, la parodia di un'opera costerà in futuro sulle piattaforme. Non dovrebbe esserci una certa coerenza interna nelle relative aree del diritto? Il fatto che non vi sia alcuna giustificazione oggettiva per la disparità di trattamento diventa chiaro quando si esaminano i marchi protetti dal diritto d'autore. I marchi possono godere della protezione del diritto d'autore come opere d'arte applicata. La parodia del marchio improvvisamente non è più gratuita se il marchio è progettato in modo sufficientemente artistico. Il nuovo regolamento non è quindi un grande momento per la sicurezza giuridica sulle piattaforme.

Privatizzazione della comunicazione?

L'obbligo di pagare un risarcimento per parodie, caricature e pastiche sulle piattaforme affronta le preoccupazioni costituzionali e giuridico-politiche che sono state identificate. È anche un'indicazione che l'economia della piattaforma causa problemi non solo quando importanti forum di comunicazione politica sono in mani private, ma anche su piccola scala: quando il contenuto e i mezzi di questa comunicazione sono mercificati a tal punto che il loro uso dipende da pagamenti dall'operatore della piattaforma.


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su Verfassungsblog all’URL https://verfassungsblog.de/grundrechte-gegen-gebuehr/ in data Sun, 01 Aug 2021 07:26:06 +0000.