COVID-19 in Autocratic Bulgaria

In un articolo precedente , ho spiegato come il primo ministro bulgaro Boyko Borissov stava utilizzando l'emergenza COVID-19 nella primavera del 2020 come un'opportunità per attuare misure che limitano i diritti fondamentali e consolidano la sua autocrazia. Successivamente, il partito GERB di Borissov ha promulgato emendamenti discutibili alla legge sulla salute che consentono all'esecutivo di usurpare i poteri tradizionalmente conferiti al Parlamento nell'ordine costituzionale della Bulgaria. Sembra che l'unica cosa che ha impedito al partito GERB di Borissov di abusare ulteriormente dell'emergenza sanitaria COVID-19 per attaccare lo stato di diritto siano state proteste di massa contro la corruzione di Boyko Borissov e del procuratore generale Ivan Geshev, estranei al COVID-19, che sono esplose in Luglio 2020 e che sono ancora in corso. Purtroppo, a seconda di come andranno le normali elezioni parlamentari previste per il 4 aprile 2021, lo stato delle cose può cambiare rapidamente perché la strada per gli eccessi dell'esecutivo è stata completamente asfaltata.

Marzo 2020: entra nello "Stato di emergenza"

All'inizio dell'emergenza sanitaria COVID-19 nel marzo 2020, il parlamento bulgaro, dove la maggioranza è controllata da Borissov, ha dichiarato lo “stato di emergenza” ( izvunredno polojenie) . Come ho affermato prima , questo stato è solitamente associato ai pericoli della guerra e ha un carattere militare. Inoltre, sebbene abbia una base costituzionale, nella legislazione bulgara ci sono poche indicazioni su ciò che potrebbe comportare. Ciò ha consentito al Parlamento di emanare una legge altamente controversa sulle misure e azioni durante lo stato di emergenza il 23 marzo 2020, che ha aiutato Borissov a migliorare il suo stato di polizia.

In effetti, Borissov ha giocato un trucco: mentre la legge in questione è stata presentata come un atto legislativo relativo allo stato di emergenza, ha apportato modifiche permanenti alle altre leggi in vigore. In quest'ottica, se c'è un rivestimento positivo, è relativo alla decisione 15 del 17 novembre 2020 della Corte costituzionale bulgara che ha dichiarato anticostituzionali le modifiche alla legge sulle comunicazioni elettroniche apportate tramite la suddetta legge. Questi emendamenti avevano consentito alle autorità un “accesso immediato” ai dati sul traffico degli utenti, senza controllo giudiziario. La Corte costituzionale era stata sequestrata dal Partito socialista bulgaro (BSP), un partito di opposizione in Parlamento. Si potrebbe obiettare che questo è, in effetti, un evento casuale perché nel modello costituzionale bulgaro (vedi articolo 150 della Costituzione bulgara ) pochissime entità hanno la facoltà di rivolgersi a questa corte – la maggior parte di loro è attualmente sotto il controllo diretto o indiretto di Borissov. È possibile che un quinto dei membri dell'Assemblea nazionale bulgara si impadronisca, come è successo qui – fortunatamente, BSP ha soddisfatto il requisito della soglia ed era preoccupato per questo problema.

Maggio 2020: entra nel misterioso stato di "condizioni epidemiologiche straordinarie"

Dal momento che Borissov ha affrontato critiche vocali e severe sul suo uso improprio dello "stato di emergenza", ha deciso di giocare un altro trucco. Modifiche affrettate alla legge sulla salute, emanate senza dibattito pubblico il 12 maggio 2020, hanno introdotto un nuovo concetto nella legge bulgara – izvunredna epidemiologichna obstanovka , che può essere tradotto come "condizioni epidemiologiche straordinarie (circostanze)". Il 14 maggio 2020, il governo bulgaro ha dichiarato formalmente questo stato con la decisione 325 , passando così da uno "stato di emergenza", scaduto il 13 maggio 2020, a "condizioni epidemiologiche straordinarie" dall'oggi al domani. In sostanza, questi emendamenti consentono al governo di dichiarare tali condizioni tramite una decisione del Consiglio dei ministri, che a sua volta consente al ministro della Salute di attuare misure antiepidemiche tramite ordinanze. Da allora, il governo ha continuato ad estendere lo “stato di condizioni epidemiologiche straordinarie” tramite decisioni del Consiglio dei ministri.

Gli emendamenti frettolosi sono stati immediatamente contestati per mancanza di costituzionalità da Rumen Radev, presidente della Bulgaria, che è anche legittimato ad adire la Corte costituzionale, come prescritto dall'articolo 150 della Costituzione bulgara. Le principali preoccupazioni di Radev includevano: 1) Lo stato di “circostanze epidemiologiche straordinarie” è dichiarato dall'esecutivo sulla base di criteri poco chiari mentre la Bulgaria è una repubblica parlamentare; 2) Non c'è limite alla durata di questo stato; 3) Nel frattempo, questo stato consente la restrizione dei diritti fondamentali, come la libertà di movimento e il diritto al lavoro, da parte dell'esecutivo tramite ordini.

Una decisione controversa della Corte costituzionale bulgara

Purtroppo, nella decisione 10 del 23 luglio 2020 , la Corte costituzionale ha dichiarato che gli emendamenti alla legge sulla salute erano costituzionali, il che ha sostanzialmente chiuso tutte le porte alla revisione parlamentare delle misure COVID-19 in una repubblica parlamentare. Come spesso accade, le opinioni dissenzienti sono spesso più potenti dell'opinione della maggioranza. In questo caso, tre giudici hanno dissentito, il che mostra alcuni dei difetti della decisione.

In un'opinione dissenziente congiunta , il giudice Raykovska e il giudice Semov sostengono che gli emendamenti violano la separazione dei poteri e violano lo Stato di diritto. Innanzitutto, i giudici concludono che “lo stato di emergenza” e “le condizioni epidemiologiche straordinarie” si sovrappongono. Inoltre, affermano che senza dubbio "le condizioni epidemiologiche straordinarie" sono uno "stato di emergenza" mascherato. Tuttavia, secondo la Costituzione bulgara, il Parlamento dichiara “uno stato di emergenza” mentre gli emendamenti alla Legge sulla salute hanno trasferito questa prerogativa all'esecutivo. A sua volta, il fatto che la legge sulla salute ora consenta al governo di dichiarare un tale stato viola la Costituzione bulgara perché la Costituzione richiede la dichiarazione di uno stato di emergenza attraverso la legislazione parlamentare. I giudici tracciano persino un parallelo tra questo potere dell'esecutivo ritrovato di recente e la costituzione comunista di Zhivkov del 1971 che consentiva ai decreti del Consiglio di Stato di sostituire le leggi emanate dal Parlamento.

Inoltre, il giudice Raykovska e il giudice Semov affermano che i criteri per dichiarare "condizioni epidemiologiche straordinarie" non sono chiari. Inoltre, aumentano anche la consapevolezza che i tipi di misure antiepidemiche che possono essere annunciati sono stati interamente lasciati alla discrezione del Ministro della Salute. Sottolineano ulteriormente:

A nostro avviso, è inammissibile che un organo esecutivo abbia il diritto in qualsiasi momento, a sua discrezione, senza confini o quadri giuridici chiari, di dichiarare "condizioni epidemiologiche straordinarie" e di adottare misure antiepidemiche, basandosi solo sul parere dell'ispettore sanitario capo dello Stato e decisione politica di un ministro, che potrebbe non avere un'educazione medica, e, in questo modo, mettere le persone fisiche residenti nel territorio del paese in una situazione in cui non possono esercitare i loro diritti fondamentali .

In un'opinione dissenziente separata , il giudice Angelov ha concluso che "le condizioni epidemiologiche straordinarie" sono un caso speciale di "stato di emergenza". A questo proposito, si schiera con gli altri suoi colleghi dissenzienti sostenendo che secondo la Costituzione un tale Stato potrebbe essere dichiarato dal Parlamento o dal Presidente solo nel caso in cui il Parlamento non sia seduto. Il giudice Angelov richiama inoltre un'attenzione particolare sul fatto che il Consiglio dei ministri può dichiarare tali condizioni straordinarie esclusivamente sulla base della proposta dell'ispettore sanitario capo dello Stato mentre non vi è chiarezza sui criteri di questa proposta. È anche preoccupato che non esista una definizione di "misure antiepidemiche", il che significa che il loro contenuto è lasciato alla "discrezione illimitata del ramo esecutivo".

Infine, il giudice Angelov ha attaccato la maggioranza per aver usato il termine "una dittatura costituzionale" che consideravano la base di uno stato di emergenza. Sostiene che questo è un termine dottrinale senza una definizione chiara che è stato ora ufficialmente introdotto nel diritto costituzionale bulgaro grazie a questa decisione. Inoltre, afferma che la definizione del termine, che la maggioranza ha abbracciato, è incompatibile con la legge bulgara. Un punto chiave di preoccupazione è che, dal punto di vista della maggioranza, i poteri possono essere ridistribuiti tra i vari rami del governo in una dittatura costituzionale. Il giudice Angelov sostiene che, alla luce dell'articolo 8 della Costituzione, che enumera i tipi di rami del governo nel paese, la Costituzione consente all'esecutivo di rafforzare o ampliare la portata dei poteri degli enti all'interno del proprio ramo, ma certamente non di scambiare poteri con altri rami del governo, come il legislatore o la magistratura.

Disordinato intervento dell'esecutivo

Non solo l'opportunità di una revisione parlamentare e costituzionale delle misure anti-COVID-19 è ora esclusa in Bulgaria, ma gli ordini emessi dal governo sono anche estremamente difficili da trovare, disordinati e servono come esempi di cattiva redazione.

Relativamente tardi, il governo ha creato un sito web speciale dedicato a COVID-19 – https://coronavirus.bg/ . Tuttavia, è solo in bulgaro, il che rende difficile l'accesso per gli stranieri o per i cittadini bulgari che non sono completamente alfabetizzati. Ad esempio, il 19% dei rom bulgari sopra i 45 anni si definisce analfabeta. Inoltre, le statistiche del 2017 mostrano che il 32,2% delle famiglie bulgare non ha accesso a Internet. Il sito non sembra nemmeno avere una funzione di ricerca.

Per tutto il 2020, l'intervento del governo è stato incoerente e confuso. Ad esempio, il 12 giugno 2020, il governo ha emesso un ordine per offrire vita notturna e celebrazioni con più di dieci persone. Il 13 giugno 2020, ha annullato questo ordine tramite un altro ordine . Gli ordini sono scritti in un modo molto tecnico che li rende difficili da navigare e comprendere. C'è anche un elemento di incuria – ad esempio, al momento della stesura di questo articolo, il testo del decreto del novembre 2020, che ha esteso lo stato di “circostanza epidemiologica straordinaria”, pubblicato su coronavirus.bg, ha esteso il dichiarare al 31 gennaio 2020 anziché al 31 gennaio 2021.

Neanche alcune delle misure sembrano proporzionate. Ad esempio, a seguito delle modifiche alla legge sulla salute (articolo 209), una persona che viola le misure antiepidemiche per la prima volta, come non indossare una maschera, riceve una multa tra 300 e 1000 leva (150 e 500 EUR) in un paese in cui i guadagni mediani lordi nel settembre 2020 erano di circa 700 EUR.

Siti dedicati alle notizie legali riportano che i cittadini sono riusciti a contestare tali multe in tribunale, ma il motivo era ancorato al fatto che l'ordinanza che rendeva obbligatoria la maschera non era stata pubblicata sulla Gazzetta di Stato. Un giudice coraggioso ha concluso che "la scarsa tecnica legislativa e la completa incomprensione del processo di definizione delle regole da parte del potere esecutivo" hanno costretto la corte a scegliere tra lo stato di diritto e l'applicazione di misure antiepidemiche. Tuttavia, considerando la progressiva cattura dei tribunali da parte di Borissov, tali giudici sono piuttosto l'eccezione in Bulgaria.

Gli avvocati praticanti richiamano l'attenzione sul fatto che alcune di queste multe sono state annullate dai tribunali a causa di violazioni procedurali – ad esempio, in un caso, una persona è stata multata dalla polizia dopo che l'ordine non era più in vigore. Ciò dimostra che anche le forze dell'ordine hanno problemi a gestire gli ordini esecutivi.

Cosa riserva il futuro?

Guardando allo scorso anno, le misure più severe imposte in Bulgaria includevano il divieto di ingresso in Bulgaria per i cittadini di determinati paesi, la chiusura di istituti scolastici, ristoranti, bar e centri commerciali, il divieto di eventi culturali (chiusura di cinema, musei, ecc. .), il requisito che almeno il 50% del personale delle imprese debba lavorare a distanza, se possibile, e la limitazione degli eventi privati ​​(matrimoni) a non più di 15 persone.

Si può tranquillamente presumere che il governo sarebbe andato molto oltre nelle sue misure o forse che il parlamento dominato da Borissov avrebbe introdotto ancora più leggi che limitano i diritti umani se non fosse stato per un altro incidente: proteste di massa contro la corruzione di Boyko Borissov scoppiata. nel luglio 2020 dopo che la Procura ha fatto irruzione nella Presidenza bulgara. Ho sostenuto in più occasioni che la Bulgaria è una crisi dello Stato di diritto in tutto tranne che nel nome, il che è anche corroborato dall'ultima risoluzione dell'8 ottobre 2020 sulle violazioni dello Stato di diritto e dei diritti fondamentali in Bulgaria da parte del Parlamento europeo.

Tuttavia, a causa delle proteste anti-corruzione, il governo di Borissov è stato spinto a concentrarsi sulla propria sopravvivenza politica, comprese diverse tecniche ingannevoli per deviare l'attenzione e tentare di placare le masse, come fingere di proporre una nuova Costituzione – un'iniziativa che è stata recentemente abbandonato dopo che serviva al suo scopo per guadagnare tempo per Borissov e per impedire elezioni anticipate.

In questa luce, le elezioni del 4 aprile 2021 sono di fondamentale importanza per lo Stato di diritto della Bulgaria. Borissov ha costruito una struttura per abusare delle sfide COVID-19 per benefici politici, quindi se rimane al potere, ne trarrà sicuramente vantaggio.


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su Verfassungsblog all’URL https://verfassungsblog.de/covid-19-in-autocratic-bulgaria/ in data Fri, 05 Mar 2021 08:00:23 +0000.