Caccia alle streghe contro 14 giudici di Cracovia

Varsavia, 22 gennaio 2021

Per:
Věra Jourová

Vicepresidente della Commissione europea
per valori e trasparenza

Didier Reynders

Commissario europeo per la giustizia

Cari onorevoli membri della Commissione europea,

Noi sottoscritti chiediamo alla Commissione di adottare ulteriori misure immediate per contenere e censurare la persistente illegalità in Polonia sotto il governo della Legge e della Giustizia (PiS). L'erogazione dei fondi dell'UE è ora collegata al rispetto dello Stato di diritto e il presidente Von der Leyen si è impegnato a utilizzare lo strumento dello Stato di diritto dal 1 ° gennaio in poi. La persecuzione del PiS nei confronti di giudici indipendenti è avvenuta di recente, tra dicembre e gennaio. 2020/2021. Questo affronto allo Stato di diritto richiede l'attenzione e l'azione della Commissione.

I giudici che hanno esaminato casi relativi alla reintegrazione del procuratore Mariusz Krasoń sono stati e sono perseguitati per le loro azioni puramente giudiziarie. Krasoń ha richiamato l'attenzione sulla politicizzazione dell'ufficio del pubblico ministero in una risoluzione del maggio 2019 adottata dall'Assemblea dei procuratori della Procura regionale di Cracovia. Di conseguenza è stato retrocesso, molestato e il suo posto di lavoro è stato spostato a circa 300 km dalla sua residenza. Negli ultimi due mesi, il Dipartimento per gli affari interni della Procura nazionale ha convocato come testimoni 14 giudici provenienti da cinque diversi tribunali dei tribunali distrettuali, regionali e d'appello di Cracovia. I giudici devono ora affrontare potenziali accuse penali di inadempimento in qualità di pubblici ufficiali, punibili fino a tre anni di reclusione (art. 231, comma 1, cp). Il loro presunto crimine? Non aver perseguitato il procuratore Krasoń.

Questo è un tentativo senza precedenti di esercitare pressioni su giudici indipendenti da parte della procura politicizzata. Notare i seguenti fatti allarmanti:

  • Anche il giudice del tribunale regionale di Cracovia e il giudice relatore nella causa principale, Jarosław Łukasik, è stato convocato anche se il caso era ancora in corso ed era maturo per il giudizio;
  • Il 20 novembre 2020, il giudice Łukasik ha fissato la data per la prossima udienza nel caso del procuratore Krasoń per il dic. 22. Con le questioni preliminari risolte, con tutta probabilità, il dic. 22a udienza, il giudice Łukasik avrebbe emesso il verdetto finale, che probabilmente sarebbe stato sfavorevole al dipartimento del pubblico ministero politicizzato (come indicato, tra l'altro, dalla misura provvisoria di reintegrazione del procuratore Krasoń nel suo posto di lavoro a Cracovia con effetto immediato ordinato in precedenza da questo giudice );
  • Il 27 novembre, alla procura è stata notificata tramite servizio postale la data della prossima udienza fissata per il dic. 22. A dicembre Undicesimo il giudice relatore nella causa principale e quasi tutti i giudici che si sono pronunciati nel relativo procedimento sono stati convocati per l'interrogatorio (previsto per il 29 dicembre, 12 gennaio e 13 gennaio). La citazione è stata inviata di proposito in modo che i giudici le ricevessero prima dell'udienza finale nella causa principale (22 dicembre), come è avvenuto con la maggioranza dei giudici;
  • Sebbene l'indagine sia in corso da oltre un anno, nessuno è stato convocato fino a quando il giudice Łukasik non ha fissato la data per l'udienza finale, un'udienza in cui è stata approvata una decisione sfavorevole all'ufficio del procuratore. Lo scopo della citazione era quello di intimidire il giudice relatore Łukasik prima che potesse emettere la sentenza;
  • Ai sensi dell'articolo 232, paragrafo 1, del codice penale polacco (che influenza le attività ufficiali del tribunale con minacce illegali), la convocazione dei giudici per l'interrogatorio può costituire un crimine (come descritto più dettagliatamente nella risoluzione "Themis" allegata);
  • Inoltre, in tutto il caso del procuratore Krasoń, i giudici precedenti che esaminavano il caso hanno ricevuto avvertimenti "sottili" dall'ufficio del procuratore. La procura ha inviato richieste di prestito di fascicoli, da cui risultava che era in corso un'indagine ai sensi dell'articolo 231 del codice penale. Tuttavia, i giudici hanno costantemente emesso sentenze a favore del procuratore Krasoń. L'ufficio del pubblico ministero temeva che avrebbero perso il caso al Dec. 22 ° processo finale e quindi ulteriormente serrato le viti sulla discrezione giudiziaria.

Queste azioni violano il principio di indipendenza dei giudici e di non interferenza nell'esercizio del potere giudiziario. Come affermato dal Commissario per i diritti umani, Adam Bodnar , le azioni dell'Ufficio del Procuratore nazionale possono interferire con l'esercizio del potere giudiziario indipendente facendo temere ai giudici conseguenze negative per la risoluzione dei casi in conformità con le proprie convinzioni e conoscenze. L'indipendenza giudiziaria è un elemento indispensabile della piena attuazione del diritto a un tribunale di cui all'articolo 45, paragrafo 1, della Costituzione polacca, all'articolo 6 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo, all'articolo 47 della Carta dei diritti fondamentali. dell'Unione Europea e Art. 19 comma 1 (2) TUE.

Per dirla senza mezzi termini, questi giudici sono costretti a prendere decisioni in conformità con i desideri dei politici con minacce di reclusione e altre punizioni penali. La coercizione politicizzata nell'amministrazione della giustizia è impensabile in uno Stato membro dell'Unione europea, ma le autorità polacche si sono scrollate di dosso i ripetuti avvertimenti dell'UE. Così, alla luce del Dec. Discorso del 16 gennaio 2020 della Presidente von der Leyen – in cui ha annunciato che il nuovo meccanismo di condizionalità dovrebbe essere applicato dal 1 ° gennaio 2021 e coprire tutte le violazioni da quel giorno in poi – esortiamo la Commissione ad avviare il monitoraggio necessario delle pressioni illegali esercitate su giudici indipendenti di Cracovia senza indebito ritardo.

Distinti saluti,

The Open Dialogue Foundation & Themis Association of Judges (Polonia)

Con:

Alberto Alemanno, The Good Lobby

Dott. Petra Bárd, Università dell'Europa centrale

Prof. Gábor Halmai, Istituto universitario europeo

Prof. Bojan Bugaric, Università di Sheffield

Prof. Grainne de Burca, New York University

Prof. Paul Craig, St John's College, Oxford

Dott. Patrycja Dąbrowska-Kłosińska, Queen's University Belfast e Warsaw University of Technology

Forum per la cooperazione dei giudici (FWS, Polonia)

Prof. Kees Groenendijk, Radboud University Nijmegen

Dott. Joelle Grogan, Middlesex University di Londra

Dott. Maarten Hillebrandt, Università di Helsinki

Prof. R. Daniel Kelemen, Rutgers University

Dott. Kriszta Kovács, Centro WZB per il costituzionalismo globale

Prof. Martin Krygier, Università del New South Wales, Sydney

Prof. Imelda Maher, University College Dublin

Dott. Amrei Müller, University College Dublin

Lex Super Omnia Association of Prosecutors (LSO, Polonia)

Prof. Bartłomiej Nowotarski, Università di Economia di Wroclaw

Osservatorio elettorale (Wyborcze Obserwatorium, Polonia)

Dott. Sejal Parmar, Università di Sheffield

Prof. Laurent Pech, Middlesex University di Londra

Prof. Vlad Perju, Boston College Law School e Clough Center for the Study of Constitutional Democracy

Prof. Sébastien Platon, Università di Bordeaux

Associazione dei giudici familiari "Pro Familia" (Polonia)

Prof. Michał Romanowski, Università di Varsavia

Marek Tatała, Forum per lo sviluppo civile (FOR, Polonia)

Prof em., Theo de Roos, Università di Tilburg

Prof. Wojciech Sadurski, Università di Sydney e Università di Varsavia

Antonio Stango, Federazione Italiana per i Diritti Umani (Italia)

Alice Stollmeyer, Defend Democracy (Belgio)

Prof. Adrienne Stone, Melbourne Law School, Università di Melbourne

Dott. Liam Thornton, School of Law, University College Dublin

Prof. Fryderyk Zoll, Università Jagellonica

L'iniziativa degli avvocati arrestati


Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su Verfassungsblog all’URL https://verfassungsblog.de/witch-hunt-against-14-cracow-judges/ in data Tue, 26 Jan 2021 17:10:37 +0000.