Bambini in blocco

“La generazione perduta della pandemia di Covid-19 non è quella a rischio di età superiore ai 65 anni, ma i nostri figli e giovani, in particolare al momento qui nel comune di Larvik. Comunichiamo con bambini vittime di violenza da parte di fratelli, minacce, madri che piangono tutto il giorno, bambini con genitori malati di mente, genitori con problemi di abuso di droghe e sostanze, genitori in conflitto violento tra loro, genitori sottoposti a enormi tensioni psicologiche a causa di licenziamenti e problemi finanziari e bambini con genitori che li sottopongono a violenza fisica e mentale, abbandono e abusi sessuali … perché dovremmo essere in una casa di cura che cura gli anziani quando i bambini gridano per il nostro aiuto? "( Lettera di 19 infermiere scolastiche al Comune di Larvik, 13 aprile 2020 , traduzione degli autori)

Dal punto di vista medico (mentre sono necessari ulteriori studi scientifici ), COVID-19 sembra in gran parte avere un impatto limitato sui bambini. Tuttavia, i bambini sono stati profondamente colpiti dai blocchi attuati per proteggere la vulnerabilità di tutti gli altri. C'è un problema che finora ha ricevuto scarsa attenzione nell'analisi della legge costituzionale in lingua inglese Covid-19, vale a dire quella delle ramificazioni dei blocchi interni per le protezioni costituzionali dei minori (ma qui ). Usando la Norvegia come caso di studio, identifichiamo una serie di problemi e proponiamo come una critica avrebbe potuto essere articolata.

La Convenzione del 1989 sui diritti del fanciullo (CRC), articolo 3, stabilisce che "in tutte le azioni riguardanti i bambini […] l'interesse superiore del minore deve essere una considerazione preminente". Gli Stati sono pertanto tenuti a garantire la protezione necessaria per i minori nonché a controllare le istituzioni responsabili dell'esecuzione.

Mentre relativamente pochi paesi hanno esplicite garanzie di protezione costituzionale per i minori, la ratifica quasi universale della CRC ha influenzato gli Stati a trasformare alcuni dei loro obblighi in riconoscimento costituzionale e protezione dei diritti dei minori a livello nazionale.

CRC è una parte vincolante della legge norvegese e la sua influenza si riflette nelle modifiche della Costituzione norvegese del 1814 del 2014. Ai sensi dell'articolo 104, i minori hanno il diritto al rispetto della loro dignità umana e il diritto di essere ascoltati. Il loro migliore interesse è considerato una considerazione "fondamentale". Inoltre, i bambini hanno il diritto di ricevere un'istruzione di base e una garanzia da parte del governo per salvaguardare le loro capacità e necessità individuali (articolo 109).

Tuttavia, anche laddove esistono specifiche protezioni costituzionali per i bambini, come in Norvegia, temiamo che la comunità accademica e la società civile abbiano compiuto sforzi insufficienti per affrontare le questioni attraverso una lente costituzionale. Ciò equivale a un'opportunità doppiamente persa, in termini di presa sul serio dei diritti dei bambini e in termini di preoccupazione per l'impatto dei blocchi di Covid-19 sui bambini presi sul serio.

Norvegia: una "storia di successo" Covid-19

Finora, la Norvegia è una "storia di successo" di COVID-19. Ha chiuso scuole, aziende e viaggi internazionali a metà marzo e ha notevolmente limitato la libertà di movimento all'interno del paese. Nonostante sia "impreparato" a una pandemia (prevista), il settore sanitario ha affrontato il problema. Entro la prima settimana di aprile – tra le preoccupazioni per l' impatto distorto sulle popolazioni immigrate – l'epidemia è stata dichiarata " sotto controllo ". L'impatto successivo è stato relativamente lieve. Al 1 ° luglio ci sono stati 8.887 casi confermati, 251 decessi e un totale di 338.860 individui testati. Sebbene questa risposta energica abbia avuto implicazioni immediate e gravi per l'economia norvegese, si prevede che l'impatto sia in parte mediato dall'uso del fondo sovrano del paese.

Nel contesto nazionale norvegese, studiosi legali hanno posto domande sullo stato di diritto e sui diritti umani, ad esempio per quanto riguarda il diritto all'informazione sanitaria e le minoranze o la tracciabilità di app e protezione dei dati . Ma finora non si è discusso dello stato di diritto e dei bambini.

Come quasi ovunque, i bambini dovevano acconsentire a una radicale riorganizzazione non solo della loro situazione familiare, della vita sociale e delle routine quotidiane, ma anche della loro istruzione, sicurezza e accesso e assistenza sanitaria al fine di proteggere la popolazione adulta. Dall'inizio del blocco il 12 marzo , ci sono state preoccupazioni per il pesante onere sostenuto dai bambini, che vanno dal quasi abbandono da parte dei servizi sanitari locali e delle scuole all'essere lasciati soli con adulti violenti o drogati senza ricorso ad assistenza o fuga. Come temuto, gli effetti su bambini e adolescenti vulnerabili sono stati sproporzionati e gravi. Un rapporto del governo del 20 aprile ha rilevato che i principali attori avevano reagito in modo eccessivo concentrandosi sulla prevenzione delle infezioni a scapito dei servizi per bambini e adolescenti vulnerabili.

Cinque rapporti del gruppo di coordinamento nazionale per i servizi a giovani e bambini durante Covid-19 criticano con forza l'uso ingiustificato dell'ufficio a casa, la riassegnazione per il personale di protezione dei minori e una drastica riduzione dei servizi di assistenza all'infanzia. Tuttavia, in questi rapporti, non vi è alcuna riflessione sistematica sul rischio, la vulnerabilità e le valutazioni di impatto in relazione ai diritti umani dei minori e nessuna menzione dei diritti costituzionali dei minori. Il difensore civico norvegese dei bambini è stato molto impegnato , ma con un'enfasi limitata sui diritti costituzionali . Dobbiamo fare di meglio.

1. Diritto alla salute

Il diritto alla salute dei bambini è sancito dalla costituzione norvegese e dall'articolo 24 della CRC. Gli Stati sono obbligati a lavorare per la piena realizzazione di questo diritto e per garantire la fornitura dell'assistenza medica e dell'assistenza sanitaria necessarie a tutti i bambini, in particolare allo sviluppo dell'assistenza sanitaria di base.

L'infrastruttura governativa norvegese centrale per la salute e i servizi sociali dei bambini si basa sulla legislazione dei comuni, come la legge sulla sanità e l'assistenza sociale, la legge sull'istruzione e la legge sui servizi di assistenza all'infanzia. Nel caso in cui un bambino abbia bisogno di servizi sanitari o sociali più specializzati, le strutture gestite dallo stato sono responsabili del rispetto dei diritti del bambino.

Il blocco ha comportato una riduzione della capacità di eseguire o addirittura l'arresto dei servizi di assistenza sanitaria per i bambini a causa della riassegnazione del personale sanitario ad altri compiti nei comuni. I bambini bisognosi e con il diritto al trattamento per i loro problemi di salute mentale hanno dovuto attendere più a lungo per ricevere l'assistenza sanitaria necessaria. Servizi sanitari per bambini con necessità e diritto a servizi composti cessati. Secondo la legge norvegese, i comuni sono tenuti a fornire determinati servizi sanitari ai propri cittadini, indipendentemente dall'età. Trattandosi di un obbligo statutario, i comuni non hanno alcun potere discrezionale di rinviare o cessare quel tipo di servizi, e il governo non ha adottato alcuna esenzione durante il blocco. La cessazione o la riduzione di tali servizi senza riferimenti o considerazione dei diritti dei minori ha comportato l'assenza di test di necessità e di proporzionalità, che potrebbero portare a inutili continuazioni della violazione del diritto alla salute dei minori.

Inoltre, la vulnerabilità dei bambini migranti a causa della mancanza di misure da parte delle autorità per ridurre l'impatto della disuguaglianza è diventata evidente quando le comunità di migranti sono state sovrarappresentate come portatrici del virus COVID-19 in Norvegia all'inizio di aprile 2020. Il diritto alla salute dei bambini non deve essere indebolito a causa della discriminazione . Una parte vitale per realizzare il diritto alla salute dei bambini senza discriminazioni è l'accesso del bambino a informazioni appropriate su questioni di salute , strettamente legate al diritto alla partecipazione dei bambini . Tuttavia, all'inizio dell'epidemia, le informazioni fornite dal governo erano insufficientemente disponibili, mirate e tempestive, in sostanza anche mettendo a repentaglio il diritto alla salute dei bambini migranti.

2. Diritto all'istruzione

L'articolo 109 della Costituzione norvegese stabilisce il diritto all'istruzione dei bambini, rafforzato con riferimento a documenti internazionali sui diritti umani con una formulazione simile . La principale caratteristica dell'obbligo statale nel diritto internazionale e nazionale è di rendere l'istruzione primaria obbligatoria per i bambini e disponibile gratuitamente per tutti, sebbene ciò non sembri necessariamente necessario in considerazione della formulazione del diritto internazionale e del diritto nazionale norvegese, il Comitato economico delle Nazioni Unite , Social and Cultural Rights afferma esplicitamente che l'istruzione primaria è un sistema scolastico per l' educazione di base dei bambini al di fuori della famiglia . Educare i bambini a scuole disponibili e accessibili che forniscono qualità accettabile e forma adattabile e sostanza dell'educazione è uno strumento efficace per garantire che il diritto all'istruzione sia realizzato in modo non discriminatorio.

Il blocco delle scuole primarie e secondarie a metà marzo ha portato a un esperimento scolastico nazionale senza precedenti – contro il parere degli esperti di sanità pubblica – con insegnanti che educano i loro allievi con l'assistenza di soluzioni digitali e genitori. Mentre questo sembra aver funzionato per la maggior parte dei bambini, non tutti i proprietari di scuole disponibili, interessati e capaci, insegnanti e genitori con esperienza disponibili, quando era necessaria assistenza. L'accesso all'istruzione è diventato dipendente da un'adeguata connettività, apparecchiature dati e competenze digitali. A livello nazionale, la qualità e la quantità di interazione insegnante-alunno sembrano essere variate in modo sorprendente. I bambini con bisogni speciali e i bambini che vivono in famiglie emarginate dal punto di vista socio-economico hanno dovuto affrontare ulteriori barriere – inclusa l'invisibilità nelle raccomandazioni del governo sull'istruzione – e sono diventati sproporzionatamente vulnerabili alle priorità dei governi locali.

3. Diritto alla sicurezza

I bambini hanno diritto all'integrità personale ai sensi dell'articolo 104 della Costituzione norvegese. L'articolo 6 della CRC impone agli Stati di lavorare in modo globale in modo che i bambini possano crescere in modo sano e protetto, liberi dalla paura e dalla mancanza. L'articolo 19 della CRC sottolinea che gli Stati Parte devono attuare leggi adeguate nonché misure amministrative, sociali ed educative per proteggere i bambini da ogni forma di violenza, sia fisica che mentale, incluso nel regno privato della famiglia, nelle case di cura e in altre istituzioni . .Secondo t egli Comitato CRC , la prevenzione primaria di tutte le forme di violenza, attraverso la sanità pubblica, l'istruzione, i servizi sociali e di altri approcci è di fondamentale importanza. Un blocco generale di questi servizi è quindi allarmante per quanto riguarda la protezione dei bambini dalla violenza.

A livello nazionale, diverse professioni sono state definite critiche per la società , consentendo ai genitori che lavorano in queste professioni di mandare ancora i propri figli all'asilo e alla scuola. Il fatto che inizialmente i professionisti che lavorano nei servizi di assistenza all'infanzia non siano stati inclusi in questa definizione esemplifica la mancanza di consapevolezza dei diritti dei minori e degli obblighi statali.

Il sistema di assistenza all'infanzia segnala un minor numero di richieste di aiuto da parte di bambini e giovani che vivono con violenza e abusi. I bambini con minoranza e immigrazione sembrano essere stati colpiti in modo sproporzionato . I servizi di assistenza all'infanzia hanno sperimentato che i genitori hanno iniziato a rifiutare l'assistenza a causa delle loro preoccupazioni per l'infezione. Più della metà degli incontri e dei follow-up delle famiglie sono stati annullati in particolare da famiglie che in precedenza non erano state positive per interagire con i servizi di assistenza all'infanzia prima dell'epidemia.

Osservazioni conclusive

Empiricamente, il problema è l'impatto sproporzionato sui bambini e l'onere che sono stati loro tenuti a portare. Politicamente ciò riguarda la legittimità dei compromessi tra la sicurezza, la salute e il benessere della popolazione maggioritaria di non bambini e la "popolazione minoritaria" di bambini, e fino a che punto la Norvegia può spingersi nel dare la priorità al primo. Legalmente, il problema è l'incapacità di calibrare gli interventi e inquadrare l'impatto attraverso il prisma delle garanzie del diritto costituzionale – e da quello che si apre a considerazioni di necessità e proporzionalità.

In caso di un secondo blocco in autunno, a partire dai suoi obblighi costituzionali, il governo dovrebbe:

  • Mandare valutazioni di rischio, vulnerabilità e impatto usando CRC e la Costituzione come punti di partenza. Ciò significa inquadrare le definizioni dei problemi e gli interventi con la dovuta preoccupazione, ma anche consapevolezza dei diritti umani dei bambini e delle protezioni costituzionali.
  • Effettuare investimenti economici in test sensibili ai minori e strategie di tracciamento dei contatti.
  • Includere giuristi con competenza in materia di diritti dei minori in tutti i gruppi di esperti per integrare le prospettive dei diritti dei minori in tutte le valutazioni degli interventi, delle politiche e della "legge Covid-19" del governo.
  • Includere valutazioni delle conseguenze a breve, medio e lungo termine degli interventi per i bambini. Nella prospettiva del corso della vita, le esperienze di un bambino hanno un grande impatto sulla sua vita adulta. In una prospettiva etica e morale, i bambini sono fortemente dipendenti dalla società, il loro benessere deve essere prioritario nella lotta contro Covid-19.

Questa è la traduzione automatica di un articolo pubblicato su Verfassungsblog all’URL https://verfassungsblog.de/children-in-lockdown-childrens-rights-covid-19-and-the-case-of-norway/ in data Wed, 01 Jul 2020 16:22:51 +0000.